NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » newsarchivio20112012

 



Torna alle news

Ci sono 2123 News in 213 pagine e voi siete nella pagina numero 100

Vibonati: lunedi 30 Aprile partita di beneficenza
Lunedi 30 Aprile alle ore 16 si svolgerà allo Stadio "V.Mazzola" di Vibonati una partita di beneficenza tra lo SportingVibo e una Rappresentativa di Vibonati e di Villammare. L'incasso (l'ingresso costa un euro) sarà devoluto alle Associazioni "Angela tra gli Angeli" e "Carmine Speranza" impegnate nella raccolta dei fondi necessari per l'acquisto di un defibrillatore che sarà donato alla comunità di Vibonati e di Villammare.
(Associazione Angela tra gli Angeli)



Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork sabato 28 aprile 2012 alle 11:03 commenti( 0 ) -

Sapri. Ospedale “Immacolata”: promossi medici e infermieri

Sapri. Ospedale “Immacolata”: promossi medici e infermieri, buono il servizio di pulizia, bocciato il vitto.
Come annunciato, il Tribunale per i diritti del malato sez. “Golfo di Policastro” rende noti i dati scaturiti dall’indagine condotta nei giorni scorsi tra i degenti e gli utenti che fruiscono di servizi presso il presidio ospedaliero di Sapri. Il sondaggio effettuato a mezzo di questionari (in tre diverse giornate) ha fatto registrare la partecipazione di ben 260 persone che hanno avuto modo di esprimere il proprio gradimento sulla pulizia, l’assistenza, il vitto e di fornire anche eventuali suggerimenti e lamentele. Dalla lettura delle schede (compilate in modo anonimo), complessivamente buono il giudizio espresso sulla qualità del personale medico e paramedico. Al primo posto si sono classificati i camici verdi che hanno raccolto un gradimento pari al 82%, con 157 persone che hanno sbarrato la voce “buono” e 45 quella di “ottimo”: in totale 202 utenti hanno manifestato il loro apprezzamento per l’assistenza medica. Staccati di poco gli infermieri con il 69% di gradimento, di cui 142 giudizi indicanti la casella che riportava la voce “buono” e 49 il lusinghiero “ottimo”. Equamente distribuiti i giudizi relativi alla sufficienza (45 ai medici e 53 agli infermieri). Se si vuole alzare il livello dell’assistenza e riportare in bianco la casella che indica la sufficienza, in futuro si dovrà cercare di accontentare quelle persone (complessivamente 21) che si sono lamentate per la mancanza di pazienza, dialogo, gentilezza e accoglienza. Positivo anche il giudizio relativo alla pulizia che, incamerando 190 preferenze, tra buono e ottimo (164 e 26), ha fatto registrare il  77% di  gradimento e 58 insufficienze. La buona valutazione relativa all’assistenza medico-inermieristica viene completata dalle citazioni di lode nei confronti dell’Unità operativa di Gastroenterologia del dottore Martorano (con 13 eccellenze), del servizio ambulatoriale svolto in Chirurgia dal dottor Bellizzi (10 eccellenze) e della Ginecologia del dottor Torsiello (9 eccellenze). Citazioni anche per i dottori Di Vita (primario della Rianimazione), Cammarano (Ginecologia) e Boscolo (servizio di Oncologia), Sarnicola (Cardiologia) nonché per la Pediatria, il Trasfusionale, l’Ambulatorio Analisi e della Tiroide, la Nefrologia e l’Ortopedia. Elogi e qualche lamentela (soprattutto per i locali in cui operano) per Medicina, Radiologia e Pronto Soccorso. Negativo il giudizio relativo al vitto. Su 235 utenti che si sono espressi sul mangiare ben 123 (più del 50%) hanno marcato la casella “mediocre”; 101 la voce “buono” e 11 quella con la scritta “ottimo”. Un considerevole gruppo di persone ha consigliato di riaprire la vecchia cucina. Da non trascurare le lagnanze relative alla lungaggine delle liste d’attesa e alle disfunsioni dell’ufficio prenotazioni (per visite ed esami), ai bagni dei corridoi, alla mancanza di personale soprattutto durante il  periodo notturno e alla difficoltà nel ricevere informazioni precise. I dati raccolti forniscono sicuramente uno spaccato molto attendibile sulla funzionalità del nosocomio che è sicuramente un patrimonio della collettività da “difendere con ogni mezzo,  contro ogni paventato rischio di delocalizzazione” come espressamente suggerito dalle persone attraverso il questionario.
Sapri, 28 aprile 2012
Il  Tribunale per i diritti del malato
Sez. “Golfo di Policastro”
Il coordinatore: Mario Fortunato



Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork sabato 28 aprile 2012 alle 11:00 commenti( 3 ) -

Sapri: crolla volta del cementificio
Sapri- E' crollata una volta della copertura dell'ex cementificio sito in località Pali nei pressi della foce del torrente Brizzi. Lo scheletro del cementificio, opera incompiuta dal lontano 1950 e simbolo in negativo della città di Sapri, probabilmente a causa delle piogge delle ultime settimane e della sua struttura obsoleta e fatiscente, è iniziato a collassare nella notte tra giovedi e venerdi. Sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco ed i Vigili urbani di Sapri per verificare la staticità del manufatto. Per fortuna il crollo non ha provocato danni alle persone. Infatti, da qualche tempo, il piano inferiore dell'ecomostro saprese è occupato dai rom oltre ad essere utilizzato come deposito di materiale per l'edilizia. Nelle vicinanze, inoltre, si trovano parcheggiate le roulotte dei rom ed alcuni mezzi pesanti.
Inserito da Golfonetwork sabato 28 aprile 2012 alle 10:47 commenti( 3 ) -

Enoturismo nel Golfo: valorizzazione e prospettive


Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork venerdì 27 aprile 2012 alle 20:19 commenti( 0 ) -

A Villammare presentazione del libro "Il Sindaco Pescatore"
Nel centro rivierasco del Golfo di Policastro la storia di Angelo Vassallo verrà raccontata e analizzata dal Sindaco di Lamezia Terme, Gianni Speranza, e da Dario Vassallo. Venerdi 4 Maggio alle ore 18, presso la Sala de Il Gusto Divino a Villammare, ci sarà la presentazione del libro "Il sindaco pescatore" di Dario Vassallo edito da Mondadori. Introducono il dibattito Manuel Borrelli, Consigliere Comunale di Vibonati e Bruno Speranza, Consigliere comunale di Caselle in Pittari. Intervengono Maria de Biase, dirigente scolastico, Gianni Speranza, Sindaco di Lamezia Terme e Dario Vassallo, fratello di Angelo e autore del libro. Modera Gaetano Bellotta. "Chissà cosa mi ha spinto venti giorni dopo a tornare su questa strada troppo stretta e in salita. La fame di verità totale o piuttosto una rabbia feroce, insopprimibile, il rifiuto della realtà. Per questo adesso prendo a calci il muretto vicino al quale hanno ammazzato mio fratello. Sono come imprigionato dentro la gabbia dei ricordi, provo a ribellarmi ma inutilmente: è una sensazione che non riesco a definire. Pensare ad Angelo mi aiuta a sopravvivere al dolore."
Il 5 settembre 2010 sette colpi di pistola a bruciapelo hanno posto fine alla vita di Angelo Vassallo, il primo cittadino di Pollica, in provincia di Salerno, conosciuto da tutti come il sindaco pescatore. Sono passati quasi due anni, ma nella mente e nel cuore della sua famiglia - la vedova, i due figli e gli altri parenti - tutto è rimasto fermo a quella notte buia: chi ha ucciso Angelo?, chi sono i complici?, chi è il mandante? Soltanto il perché di questo delitto è evidente e non deve attendere i tempi lunghi dell'investigazione. Angelo Vassallo è stato ucciso perché era il simbolo della buona politica del Sud. La politica della legalità e dello sviluppo a costo zero per l'ambiente. La politica dell'ascolto e del darsi da fare per risolvere i problemi. La politica che piace alle persone oneste e dà fastidio ai potenti e ai farabutti. Per questo è stato ucciso. Grazie all'amministrazione Vassallo, oggi il comune di Pollica è il motore strategico di una zona che ha nel territorio il suo orizzonte economico: cinque vele da Legambiente per la qualità del mare, sede dell'Osservatorio della Dieta mediterranea con riconoscimento dell'Unesco, "cittàslow" per le prelibatezze enogastronomiche, un porticciolo accogliente e pieno di servizi. Angelo non c'è più, ma tutto continua secondo la sua impostazione. In questo libro il fratello Dario ripercorre la tragica vicenda del sindaco assassinato. Fra un pianto e un ricordo personale, il dolore per la perdita lascia spazio all'orgoglio per ciò che questo piccolo grande uomo è riuscito a fare in nome del bene comune. E alla certezza che di lui qualcosa resterà.
Vibonati,28.04.2012
(Manuel Borrelli)



Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork venerdì 27 aprile 2012 alle 19:48 commenti( 1 ) -

Rofrano: arrestati due spacciatori di droga
Rofrano- I Carabinieri di Torre Orsaia e Laurito ieri hanno arrestato S.M. di 28 anni e A.L. di 26 anni residenti a Rofrano. Coltivavano canapa ai fini di spaccio. All'interno delle loro abitazioni i militari hanno scoperto ben 15 piante di canapa indiana ed altri semi  pronti per essere piantati; 100 gr. di marijuana; 4 trituratori di varie dimensioni; un bilancino di precisione e tutto il materiale per il confezionamento della droga. Oggi gli spacciatori saranno processati per direttissima.
Inserito da Golfonetwork venerdì 27 aprile 2012 alle 12:58 commenti( 0 ) -

Boschi e Sentieri, puliamo il nostro territorio

Si svolgerà Sabato 28 Aprile a Vibonati la giornata ecologica organizzata dalla Fidc di Salerno.
La Federcaccia e l'Ecoclub di Salerno, su proposta del Consigliere Comunale Manuel Borrelli, hanno organizzato per Sabato 28 Aprile  una giornata ecologica nel territorio comunale di Vibonati. Saranno recuperati i rifiuti abbandonati nei boschi, in particolare in zona Carbone. Il ritrovo è previsto per le 9.00 nei pressi del Ponte in l.tà Cammaresano, poi saranno formati i gruppi da dislocare nei punti prestabiliti alla raccolta dei materiali. Alla giornata ecologica parteciperanno i cacciatori di Vibonati, Villammare e del Golfo di Policastro aderenti alla FIDC. Nel corso della giornata, patrocinata dal Comune di Vibonati, saranno presenti Luigi Spera e Gerardo Cernicchiaro, rispettivamente Presidente e Vice-Presidente della Federazione di Salerno, il Presidente dell'Ecoclub Francesco Casaburi, il Sindaco del Comune di Vibonati Massimo Marcheggiani e diverse Associazioni ambientaliste del territorio.
"Attraverso questa iniziativa -afferma il Vice-Presidente della Fidc, Gerardo Cernicchiaro- vogliamo dimostrare che i Cacciatori sono delle vere e proprie sentinelle in materia ambientale.  Ringrazio tutti i soggetti e le persone coinvolte nel progetto, perché, grazie al loro impegno, vivremo una mattinata all'insegna dell'ambiente".
Vibonati, 26.04.2012

Inserito da Golfonetwork giovedì 26 aprile 2012 alle 17:21 commenti( 0 ) -

Vibonati: interrogazione del gruppo consiliare di minoranza


Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork giovedì 26 aprile 2012 alle 17:18 commenti( 0 ) -

Vibonati: manifesto gruppo di minoranza


Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork giovedì 26 aprile 2012 alle 17:16 commenti( 1 ) -

Policastro Bussentino: denunciate sette persone per l'aggressione a 4 bulgari

Policastro Bussentino- I Carabinieri, dopo indagini durate circa tre settimane ed acquisizioni di diverse testimonianze, hanno denunciato sette persone, tutte residenti nel comune di Santa Marina, per le aggressioni contro quattro cittadini di nazionalità bulgara avvenute nelle ore notturne tra l'otto e il nove aprile (tra le giornate di Pasqua e pasquetta 2012). Le sette persone, con un'età compresa tra i 23 e i 39 anni, denunciate all'Autorità Giudiziaria dovranno rispondere dei reati di lesioni personali in concorso. Dopo i numerosi furti in appartamento avvenuti nel territorio comunale di Santa Marina, in particolare nella frazione Policastro e nei comuni limitrofi, alcuni residenti avevano deciso di istituire delle ronde notturne per controllare il territorio mentre cresceva il malcontento e la rabbia nella popolazione per il moltiplicarsi di episodi di microdelinquenza puniti in maniera non adeguata dalle normative vigenti. La situazione è precipitata e si è passati alla violenza. Tutto questo mentre i Carabinieri, nell'opera di prevenzione e repressione dei crimini, aumentavano gli sforzi intensificando i controlli nelle ore notturne in tutto il Golfo di Policastro ottenendo buoni risultati anche in numerose operazioni antidroga.

Ma la legislazione vigente come regolamenta le "ronde" ?

È entrato in vigore sabato 8 agosto 2009, con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale, il regolamento del Ministero dell'Interno per le cosiddette ronde. Il decreto riguarda la «Determinazione degli ambiti operativi delle associazioni di osservatori volontari, requisiti per l'iscrizione nell'elenco prefettizio e modalitá di tenuta dei relativi elenchi, di cui ai commi da 40 a 44 dell'articolo 3 della legge 15 luglio 2009, numero 94». Le associazioni di volontari dovranno essere registrate in un albo istituito presso le prefetture e composte da un numero massimo di tre persone con più di 18 anni (ma il caporonda dovrà averne almeno 25). Tra i requisiti dei volontari, l'assenza di denunce o condanne, la non aderenza a movimenti, associazioni o gruppi aventi tra i propri scopi l'incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, nazionali o religiosi. E non si dovrà essere daltonici. Il decreto ministeriale prescrive anche i requisiti per l'abbigliamento. Per prestare la loro opera, gli osservatori volontari dovranno aver superato un corso di formazione organizzato dalle Regioni o dagli Enti locali.


Limite alle ronde: la Corte Costituzionale si è pronunciata sui giudizi di legittimità costituzionale promossi dalle Regioni Toscana, Emilia-Romagna e Umbria, nei confronti della disposizione introduttiva delle cosiddette “ronde” di cittadini, contenuta nella legge in materia di sicurezza pubblica n. 94/2009. Con la sentenza 226/2010, i giudici hanno bocciato, in parte, la normativa sulle c.d. ronde prevista dal pacchetto sicurezza del 2009, dando il via all’impiego di cittadini (non armati) al fine di segnalare eventi che possano arrecare danni alla sicurezza urbana, dichiarando, altresì, illegittimo l’impiego delle ronde nelle situazioni di disagio sociale.
In pratica via libera alle ronde solamente sul fronte della sicurezza urbana ma non per un loro intervento in situazioni di disagio sociale. La Consulta ha, quindi, bocciato (seppur in parte) uno dei capisaldi del pacchetto sicurezza, ossia la possibilità che i sindaci si avvalgano di cittadini non armati per segnalare alle forze dell'ordine situazioni critiche. I sindaci possono avvalersi dell’aiuto dei volontari per un'attività di mera osservazione e segnalazione che qualsiasi cittadino potrebbe svolgere attraverso la denuncia di reati perseguibili d'ufficio; ma quello che le ronde non possono fare è occuparsi di disagio sociale. Secondo la Corte, si tratta infatti di interventi di politica sociale riconducibili alla materia dei servizi sociali ritenuta di competenza legislativa regionale residuale.
L’obiettivo di monitorare e porre rimedio al disagio sociale non può, quindi, rientrare tra le funzioni delle ronde. (Manuela Rinaldi/A.L.)

Inserito da Golfonetwork mercoledì 25 aprile 2012 alle 11:20 commenti( 2 ) -


Pagina:   << Precedente   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99  100  101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121   122   123   124   125   126   127   128   129   130   131   132   133   134   135   136   137   138   139   140   141   142   143   144   145   146   147   148   149   150   151   152   153   154   155   156   157   158   159   160   161   162   163   164   165   166   167   168   169   170   171   172   173   174   175   176   177   178   179   180   181   182   183   184   185   186   187   188   189   190   191   192   193   194   195   196   197   198   199   200   201   202   203   204   205   206   207   208   209   210   211   212   213   Successiva >>


© 2021 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica