NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » newsarchivio20112012

 



Torna alle news

Ci sono 2123 News in 213 pagine e voi siete nella pagina numero 22

Sapri: Vito Carone eletto alla consulta provinciale degli studenti

Elezioni della Consulta provinciale degli studenti. Istituto d'Istruzione "Carlo Pisacane" di Sapri.
In data 31 ottobre 2012 gli studenti del Liceo Classico, del Liceo Scientifico, del Liceo Musicale, dell'indirizzo Alberghiero e dell'indirizzo Agrario, facenti parte dell'Istituto d'Istruzione Superiore "Carlo Pisacane", hanno rinnovato la componente studentesca in seno alla Consulta Provinciale degli studenti, carica di durata biennale.

Di seguito il risultato dello spoglio elettorale:
Aventi diritto  694 - Voti validi 594
Eletti:
- Vito Carone 398 preferenze (67% delle schede valide)
- Donato Auturi 197 preferenze (33% delle schede valide)

Dichiarazioni  Vito Carone:
Nel porre i ringraziamenti a quanti hanno sostenuto la mia candidatura, auspico che il mio nuovo incarico possa creare i presupposti per una nuova idea di scuola, dando voce e prospettiva ad una generazione invisibile agli occhi delle istituzioni. Occorre ripartire dai piccoli gesti, dai problemi comuni, dai diritti che ogni giorno vengono messi in discussione per creare qualcosa che possa rinnovare, per quanto possibile, le realtà scolastiche della nostra provincia, soprattutto delle zone periferiche come la nostra. In un momento così particolare, ove l'impegno politico viene purtroppo intrapreso per il perseguimento di scopi personali, e non come strumento per dare delle risposte alla società , è forte il bisogno di concretezza e di una politica del fare.
Auspico un proficuo rapporto con le istituzioni, anche se spesso, noi studenti, veniamo catalogati come "facinorosi" oppure come "militanti politicizzati" solo perché decidiamo di scendere in piazza per manifestare le nostre difficoltà.
Sì al dialogo ma sia chiaro che non saremo disposti a scendere a compromessi con la politica per vedere garantiti quelli che sono i nostri diritti fondamentali.
Come recita lo slogan della nostra campagna elettorale:
"Noi non siamo disposti a fare alcun passo indietro, neanche per prendere la rincorsa."
2 Novembre 2012
(Vito Carone - Componente della Consulta provinciale degli Studenti I.I.S. "Carlo Pisacane" di Sapri)

Inserito da Golfonetwork venerdì 2 novembre 2012 alle 10:56 commenti( 3 ) -

Comunicato stampa Associazione Sicurezza Consumatori

INTERESSI SUGLI INTERESSI: LA CORTE COSTITUZIONALE RESPINGE LA RETROATTIVITÀ
Per avere i rimborsi è necessario mandare una raccomandata alla banca dove si ha il conto corrente. La Corte Costituzionale il 5 aprile scorso ha bocciato la lettura retroattiva dell'annosa questione dell'anatocismo (il calcolo degli interessi sugli interessi). Con la sentenza viene dunque dichiarata l'incostituzionalità della norma inserita nel decreto legge Milleproroghe, provvedimento che mirava a ridurre a dieci anni il periodo di prescrizione, ridando a tutti i clienti la possibilità di avviare delle azioni contro gli istituti di credito, chiedendo il ricalcolo del saldo effettivo dei conti, epurando gli stessi dagli effetti prodotti dall'anatocismo, sin dall'inizio del rapporto a condizione che lo stesso sia ancora in essere o che non sia stato chiuso da più di dieci anni. AS.SI.CON. consiglia a tutti i consumatori di inviare una lettera di contestazione con la richiesta di rimborso tramite raccomandata alla banca presso cui è aperto il conto corrente e per conoscenza ad AS.SI.CON. Per avere una migliore assistenza è posssibile recarsi presso la nostra sede Via G.B. Falcone n.67 1° piano pal.Vinci Sapri – Tel.0973/392242- 333/5280755 - 347/5026196; fax: 0973/392242. Giorni di ricevimento: giovedì dalle ore 18,30 alle ore 20,00 – sabato dalle ore 10.00 alle ore 12.30.
(Il Presidente Avv. Antonio Domenico Ferrante)

Inserito da Golfonetwork giovedì 1 novembre 2012 alle 20:46 commenti( 0 ) -

Comunicato stampa Insieme per Sapri

Insieme per Sapri - Resoconto Parziale Interventi – Consiglio Comunale 30-10-2012 sul Bilancio Previsione 2012

Come tutti sanno il bilancio di un Comune non è solo un insieme di numeri ma è il manifesto politico di ogni amministrazione che si rispetti. In esso attraverso l'arido linguaggio dei numeri deve intravvedersi il disegno della città che si ha in mente, della sua vocazione, delle sue peculiarità, dei suoi punti di forza, in una parola del suo destino.
Il bilancio quindi è il vero programma elettorale di una compagine amministrativa in esso dunque, al di la delle chiacchiere dei ciarlatani e degli imbonitori di turno, sono contenute le cose che si è deciso di fare. Nella diversità tra quanto supportato dalle cifre e quanto semplicemente annunciato si misura la differenza tra amministratori seri e cantastorie.
Bene è proprio tenendo conto di queste valutazioni che abbiamo provato a fare una riflessione complessiva sul bilancio che oggi viene sottoposto alla nostra attenzione.
Una preliminare valutazione va fatta sui tempi di presentazione al Consiglio. Questo bilancio dovrebbe essere quello di previsione 2012 ma di fatto è un vero e proprio consuntivo infatti ben dieci dei dodici mesi ai quali si riferisce sono trascorsi ,e l'A.C. ha navigato a vista operando con i dodicesimi.
Né possono essere scusanti sufficienti a giustificare l'enorme ritardo la competizione elettorale ed i cambiamenti normativi pure intercorsi. Il momento di crisi che scuote la nostra città e il nostro paese avrebbero meritato ben altra sollecitudine e ben altra attenzione ai bisogni della gente.
Alle nuove norme intervenute si sarebbe potuto ovviare con apposite variazioni di bilancio atte ad adeguare lo stesso ai nuovi dettami.
Purtuttavia abbiamo atteso di buon grado che il bilancio fosse approntato immaginando che il tempo che trascorreva potesse essere utile a predisporre un documento finanziario che rispettasse almeno alcuni dei tanti proclami pre-elettorali e che sapesse essere interprete delle pressanti richieste di una città sofferente.
Invece il bilancio che oggi vi apprestate a votare non solo è arrivato fuori tempo massimo ma è anche inutile, inefficace rispetto alle drammaticità del momento, senza anima e per molti versi capace di produrre ulteriori peggioramenti in un tessuto economico cittadino già gravemente provato.
Un bilancio partorito nelle oscure stanze del potere da soggetti che non hanno per censo e conformazione mentale nessuna attitudine all'ascolto e che non ha, neanche formalmente, soddisfatto le tante sbandierate dichiarazioni elettorali di voler redarre bilanci partecipati dalla cittadinanza.
Non ci aspettavamo altro da soggetti incapaci di instaurare un minimo di rapporto istituzionalmente corretto né di accogliere alcuna istanza proveniente dal gruppo di minoranza anche quando esse sono oggettivamente vantaggiose per la città come avviene oggi per le nostre proposte sulle addizionali IRPEF, sulle detrazioni IMU prima casa e come è avvenuto per gli emendamenti al bilancio presentati e ovviamente bocciati.
Poi ci sono i rilievi nel merito. Abbiamo nelle pieghe del bilancio cercato invano qualche posta che costituisse un segno di attenzione per i giovani dei quali pure ci si è riempito la bocca, ma non abbiamo trovato nulla, nemmeno un euro!
Come si potrà immaginare che essi restino nella loro città, che possano trovare un lavoro o che possano intraprendere una qualsiasi attività imprenditoriale se sono completamente dimenticati?
Abbiamo cercato una qualche attenzione al mondo delle imprese artigiane che in questo momento sono praticamente tutte ferme e i tanti lavoratori dell'edilizia versano in condizioni precarie!
Anche per questi non solo non c'è niente ma ci risulta addirittura che il sindaco dopo aver elogiato l'iniziativa assunta dalla passata amministrazione della creazione di una nuova zona PEEP di una cinquantina di alloggi sia personalmente intervenuto in Commissione "beni ambientali" per bloccare l'approvazione del relativo progetto. Forse una cinquantina di alloggi non potevano costituire una boccata di ossigeno per qualche impresa?
Avrebbe poi spiegato, lo stesso, che l'eventuale perdita dell'imminente intervento non avrebbe costituito una grande perdita perché l'Amministrazione avrebbe individuato un percorso che porterebbe alla costruzione in un futuro remoto alla creazione di un ingente numero di alloggi (alla faccia della carta di Aalborg e di programmi condivisi)! E poi i palazzinari saremmo noi! Abbiamo cercato nei numeri del bilancio una qualche attenzione al turismo ma ci siamo dovuti convincere che la scialba estate 2012 che ha segnato il livello più basso di sempre nella qualità delle manifestazioni (l'unica di un certo rilievo l'ha organizzata un privato e ha visto l'A.C. ostile) sarà addirittura da rimpiangere. Tra l'altro abbiamo perso clamorosamente l'unica opportunità di una vetrina internazionale quale il Giro d'Italia che ci siamo fatti soffiare da Policastro!
Ma di questo non ci dobbiamo meravigliare visto che ormai anche le scuole di Sapri si inaugurano a Policastro! (Vedi recente inaugurazione Liceo Musicale) E' questo lo scotto che deve pagare un paese che ha una rappresentanza non autorevole!
Abbiamo poi cercato qualche provvedimento a favore dei commercianti, qualcosa che li possa convincere ad andare avanti in un momento di disperazione per la gran parte di loro, ma non abbiamo trovato assolutamente niente, neanche la volontà di ripensare alle “isole pedonali” che così come concepite sono state il definitivo colpo di grazia per i loro bilanci!
Abbiamo poi cercato, oggi che abbiamo scoperto che il problema degli allagamenti cittadini è a monte (qualche anno fa era a valle) una attenzione alle strutture di soccorso e alla protezione civile ma abbiamo scoperto che il fondo è stato dimezzato ed ora non ci sono i fondi nemmeno per assicurare i volontari!
Abbiamo cercato segni di attenzione al mondo delle madri lavoratrici e della prima infanzia, proponendo addirittura un emendamento al bilancio (prontamente bocciato) per consentire la riapertura dell'asilo nido dell'educandato S. Antonio e non costringere le famiglie a sobbarcarsi l'onere di rivolgersi a strutture private (l'Educandato per convenzione assisteva gratis i bambini meno abbienti) e ci siamo resi conto, in tale occasione, che provvedimenti in tal senso creavano imbarazzo, probabilmente, nell'entourage dello staff del sindaco.
Abbiamo dovuto registrare una caduta del livello di assistenza ai disabili, ai meno abbienti e agli anziani!
Vedete noi abbiamo perso la battaglia elettorale anche perché, con serietà durante la stessa, abbiamo provato a spiegare alla gente che ci attendevano tempi bui.
Voi al contrario con lo slogan "si può fare" avete, subdolamente, insinuato nella mente delle persone che sarebbero venuti anni di vacche grasse e adesso avete grandi difficoltà a spiegare perché quello che avete promesso "non si può fare".
Noi ci rendiamo conto, invece, che viviamo tempi difficili, improbi anche per gli amministratori, ma siamo convinti che anche con i pochi mezzi a disposizione si poteva fare di più e meglio!
Forse si poteva avere qualche risorsa in più mettendo a frutto il patrimonio comunale, razionalizzando l'uso delle strutture (anche quelle scolastiche), potenziando la capacità e la sorveglianza sui servizi a pagamento del comune (parcheggi, auditorium, strutture sportive, immobili, palestre, alle concessioni demaniali, ecc...), si poteva immaginare di trovare risorse contribuendo a limitare l'evasione fiscale. (oggi abbiamo i mezzi e la legislazione!)
E poi vedete, lo diciamo a chi ha pensato il bilancio, ci voleva coraggio!
Non siamo esperti di economia ma in questi mesi e in questi momenti difficili tutti abbiamo dovuto riflettere!
Non solo oggi voi, nonostante le difficoltà oggettive, portate la tassazione a livelli inauditi (basti pensare alla tassazione sulle seconde case), ma questo bilancio, così come pensato, finisce per distruggere ulteriormente l'economia della città.
La scelta di esentare, per esempio dall'addizionale imponibili fino a 15.000 euro ma solo per pensioni e reddito dipendente non crediamo sia stata una scelta proprio saggia (né nello spirito della norma crediamo)! A prescindere che così posta la questione, sottende la convinzione che tutti gli autonomi sono evasori, ma noi avremmo avuto oggi la necessità di liberare risorse proprio per la classe imprenditoriale in modo che essa possa poi investire in attività produttive e creare ricchezza e posti di lavoro! E' un po' il ripetersi del dibattito nazionale!
Con l'emendamento da noi presentato e da voi bocciato, che tra l'altro segue il principio costituzionale (applicando aliquote progressive per scaglioni di reddito come per l'IRPEF) che tutti devono pagare le tasse in base alla propria ricchezza, non solo si raggiungerebbe l'equità fiscale ma si creerebbe un extra gettito atto a garantire una area di esenzione per redditi più deboli fino a otto-novemila euro di imponibile per tutti: pensionati, dipendenti e autonomi, liberando disponibilità per imprenditori e commercianti che andrebbero poi investite per migliorare le proprie aziende, renderle competitive e creare posti di lavoro e quindi ricchezza collettiva.
Anche sull'IMU del resto abbiamo chiesto e ci saremmo aspettati la previsione di una ulteriore detrazione sulla prima casa, esclusivamente per particolari situazioni di povertà che anche nel nostro Comune esistono, ma ancora una volta la maggioranza, rifiutando la proposta, è venuta meno al ruolo sociale proprio dell'Ente Comune.
Da questo punto di vista la scelta della A.C. è una scelta miope e di breve respiro che non trova riparo e correzione neanche nel pluriennale che dovrebbe dettare le regole per gli anni futuri e nel quale abbiamo trovato solo una sfilza di numeri e dati senza alcun riferimento a strategie politiche per il rilancio della città e della sua economia.
Per tutti i motivi, brevemente accennati, ritenendo il bilancio che oggi andrete ad approvare condanna definitiva del tessuto socio-economico e produttivo della città e palese disconoscimento del programma elettorale da voi stessi presentato in campagna elettorale, preannunciamo il nostro voto contrario.
(Insieme per Sapri)

Inserito da Golfonetwork giovedì 1 novembre 2012 alle 20:03 commenti( 5 ) -

Sapri: il Consiglio Comunale approva il bilancio e riconosce i debiti

Sapri- Nella seduta del 30/10/2012 il consiglio comunale ha approvato il bilancio di previsione 2012 comprensivo di tutti gli allegati e il pluriennale 2012-2014, inoltre, il consiglio ha proceduto al riconoscimento di 28 schede di debiti fuori bilancio istruite dai responsabili dei settori interessati. Lo schema di bilancio proposto dalla giunta e approvato dal consiglio ha le caratteristiche proprie di una indifferibile manovra di riequilibrio su conti pubblici altrimenti votati al dissesto. Ai pesanti e insostenibili tagli ai trasferimenti, circa 450 mila euro in meno rispetto al dato consolidato 2011, si è aggiunta una posizione debitoria quantificata ad oggi a circa 330 mila euro (comprensiva del ristoro per debiti già riconosciuti ma non ancora onorati) che ha pericolosamente appesantito il bilancio mettendo a dura prova l’equilibrio finanziario dell’Ente. A tutto questo vanno aggiunti decreti ingiuntivi e contenziosi per oltre 300 mila euro, più una esposizione nei confronti dei legali dell’Ente per ulteriori 300 mila euro. Per far fronte a questo enorme squilibrio si è provveduto con i pochi strumenti a disposizione che garantissero somme certe e rilevanti.
Su fronte delle entrate la copertura al disavanzo arriva dall’aumento dell’ aliquota IMU per le seconde case al 9.6 x mille – resta invece invariata l’aliquota prima casa – dall’aumento dell’addizionale IRPEF al 4 per mille (l’extra-gettito è pari a 260 mila per l’IMU e 100 mila per l’Irpef) e ancora dalle somme garantite dalla lotta all’evasione ICI (75 mila euro) e dal recupero di altre sanzioni mai riscosse(60 mila euro) Una ulteriore copertura è arrivata dal taglio alle spese di funzionamento, per consulenza e per acquisto di beni dell’ente per un totale di circa 200 mila euro.
Infine l’utilizzo di una parte dell’avanzo di amministrazione (100 mila euro) ha garantito il pareggio di bilancio e quindi il riequilibrio dei conti. Una ulteriore quota di avanzo (i restanti 200.000 mila euro) è stata prudenzialmente accantonata a garanzia di contenziosi e decreti ingiuntivi in essere.

Il consiglio si è chiuso con la delibera di riconoscimento della posizione debitoria iscritta in bilancio, le 28 schede riconosciute afferenti a spese anni 2008/2011 sono così riassumibili:

AREA AMMINISTRATIVA: euro 2.000,00
AREA VIGILANZA: euro 20.633,90
AREA TECNICA: euro 265.420,49

“Con l’approvazione del bilancio di esercizio 2012 si apre una stagione nuova per i conti del comune di Sapri: Responsabilità, verità, trasparenza e correttezza nei processi decisionali di impegno e di spesa saranno le parole d’ordine del nuovo corso. Se oggi possiamo discutere di bilancio e non di dissesto lo dobbiamo soprattutto alla disponibilità dei creditori ad accettare, in alcuni casi dopo tre anni, il ristoro per lavori e forniture all’ente, senza pretendere un euro in più di quanto dovuto e dilazionando la cifra su tra bilanci . Se solo alcuni di questi creditori avesse scelto di far valere il proprio credito di fronte ad un giudice la situazione debitoria dell’Ente sarebbe risultata insostenibile. Ha queste somme vanno aggiunte richieste di pagamento per circa 100.000,00 euro per Pisacane 2010 e giro d’Italia 2011, per tali cifre il responsabile dell’area non ha ritenuto che ci fossero le caratteristiche per la riconoscibilità come debito fuori bilancio.
Quando si chiedono sacrifici così ingenti ai cittadini già provati da una dura crisi economica, non si può che assumere un impegno: mai più spese folli, mai più spese occulte, quanto accaduto al bilancio del comune di Sapri non dovrà avvenire mai più” Queste le parole del Sindaco a conclusione dei lavori del consiglio comunale.

In un quadro di tale drammaticità l’amministrazione ha comunque trovato le risorse circa 120.000,00 euro per avviare la risoluzione di situazioni urgenti e indifferibili:

- dissesto idro-geologico;
- edifici scolastici;
- politiche sociali;
- pianificazione urbanistica;

Tutti gli atti del bilancio approvati dal consiglio e relative schede debitorie e documenti allegati saranno disponibili nei prossimi giorni. (Comune di Sapri)

Inserito da Golfonetwork giovedì 1 novembre 2012 alle 13:04 commenti( 3 ) -

Avviso meteo 31/10/2012
Comune di Sapri - Polizia Municipale - Protezione civile
Si trasmette bollettino meteo per diffusione, stante le previsioni riportate.
(Ten. Antonio Pompeo ABBADESSA)

Fare clic qui per leggere il bollettino (formato pdf)

Inserito da Golfonetwork mercoledì 31 ottobre 2012 alle 18:04 commenti( 0 ) -

Sapri: incontro pubblico giovedi 1 novembre


Fare clic sull'immagine per ingrandire



Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork mercoledì 31 ottobre 2012 alle 16:31 commenti( 0 ) -

Sapri: furto in un bar in via Kennedy
Sapri- Un bar pizzeria di via Kennedy è stato visitato dai soliti ignoti la scorsa notte. Il locale è ubicato nei pressi dell'Istituto di Istruzione Superiore "Leonardo da Vinci" (istituto commerciale e per geometri) e non molto distante dalla caserma della Compagnia Carabinieri di Sapri. I ladri sono penetrati all'interno del bar da una piccola finestra sul retro ed hanno trafugato l'incasso in monete di due slot machine. L'ammontare del bottino è di circa  mille euro. Sulla vicenda indagano i militari dell'Arma; dalle prime indiscrezioni è trapelato che il reato dovrebbe essere stato commesso da due malviventi.
Inserito da Golfonetwork mercoledì 31 ottobre 2012 alle 15:58 commenti( 0 ) -

Sapri, va in pensione il Comandante dei VV.UU. Pierino Caruso

Da domani, festa di tutti i Santi, va in pensione il Comandante della polizia locale di Sapri, Pietro Caruso, meglio conosciuto come Pierino. Caruso aveva inoltrato domanda di pensione per motivi di salute. Classe 1949, saprese doc, cinque figli (due maschi, dei quali uno è Maresciallo dell'Arma dei Carabinieri a Maratea, e tre donne) e quattro nipoti, tutti maschi, il Comandante Caruso è entrato nel corpo dei vigili urbani di Sapri nel 1972. Nel 2000, è diventato vice-Comandante e nel mese di giugno del 2007 - era Sindaco il dottor Vito D' Agostino - Comandante. "Sono molto emozionato  -osserva Caruso- nel lasciare un incarico che mi ha procurato tante soddisfazioni!. "Credo -aggiunge orgoglioso- d'aver contribuito, con impegno e professionalità, a determinare grandi cambiamenti nell'Ufficio che ho diretto e a formare anche il personale, attraverso la preziosa collaborazione dell'Unità didattica di Sapri della Scuola regionale di polizia locale, diretta dalla docente Maria Antonietta Stoppelli". Certamente, il Comandante Caruso lascia un buon ricordo nella Città di Sapri ed entra con forza nella sua storia. Gli giungano, da parte mia, suo amico d'infanzia, e dalla nostra Redazione, gli auguri più sinceri ed affettuosi. (Tonino Luppino)

Inserito da Golfonetwork mercoledì 31 ottobre 2012 alle 15:50 commenti( 1 ) -

Cambio al vertice di Cilento Rugby: Bonafè è il nuovo presidente

A poco meno di quindici mesi dalla propria costituzione, l'A.S.D. (Associazione Sportiva Dilettantistica) "Cilento Rugby" rinnova il direttivo e l'organigramma. Il nuovo presidente è Riccardo Bonafè, vicepresidente Luigi Marciano, mentre Aniello Martone è il segretario e tesoriere.
Queste le altre cariche: consigliere Umberto Cardone, addetta alla segreteria Annapia De Felice, direttore tecnico dei corsi Francesco D'Anisi, istruttori Angel Gerbasi, Pietro Pecorelli e Gianfrancesco Caputo, addetto stampa Vito Sansone.
"Cilento Rugby" comunica inoltre che sono ancora disponibili i posti in bus Gran Turismo, da Sapri ed Agropoli, per raggiungere, sabato 17 novembre, lo Stadio Olimpico di Roma in occasione della sfida tra la nazionale italiana e gli "All Blacks" neozelandesi, campioni del mondo in carica.
Per maggiori informazioni si può telefonare ai numeri 0974 846660 e 338 7628543 oppure scrivere un'email a segreteria@cilentorugby.it
(Vito Sansone)

Inserito da Golfonetwork mercoledì 31 ottobre 2012 alle 15:49 commenti( 0 ) -

Maratea (Pz): operazione "October Fish" della Capitaneria di Porto
Maratea (Pz)- Il personale militare appartenente all’Ufficio Circondariale Marittimo di Maratea, coordinato dal proprio comandante, il TV Stefania MILIONE, ha condotto dal 23 ottobre al 25 ottobre un’operazione complessa, denominata “OCTOBER FISH” finalizzata al controllo dell’intera filiera pesca ed a tutela del consumatore. Nell’ambito della predetta operazione il personale militare operante ha proceduto al sequestro di trentatre esemplari di pesce spada Novello e di un Tonno Rosso Sottomisura per un totale di 115 Kg. Per tale fattispecie è stato deferito alla competente Procura della Repubblica di Lagonegro un pescatore professionista di Maratea. Il prodotto sequestrato è poi stato donato a diversi Istituti di beneficienza. Sempre nell’ambito della predetta operazione il personale militare della Guardia Costiera imbarcato sulla Motovedetta di Maratea ha redatto 1 (una) notizia di reato a carico di ignoti ed a proceduto al relativo sequestro di un attrezzo di pesca di tipo palangaro sprovvisto dei segnalamenti previsti dalla normativa vigente, al quale erano impigliati n. 15 esemplari di pesce spada allo stato novello, di cui n. 11 vivi sono stati slamarati e liberati e altri 4 morti salpati e successivamente affondati per la distruzione. Nell’ambito dei predetti controlli, sempre il personale militare appartenente all’Ufficio Circondariale Marittimo Lucano ha rinvenuto presso un esercizio commerciale calabrese una confezione di prodotto ittico che spacciava per Baccalà, il ben meno pregiato “Brosme”, reale ingrediente della confezione. Grazie ed a seguito di tale accertamento, è stata condotta una ben più ampia attività di indagine che ha portato i militari della Guardia Costiera direttamente al luogo di produzione e confezionamento del prodotto in parola, i cui responsabili sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria per frode in commercio. Tale attività di indagine, ancora in corso di esecuzione, ha visto il sinergico coinvolgimento di diverse Capitanerie di Porto. L’intera operazione “OCTOBER FISH” è stata condotta secondo le direttive del Direttore Marittimo Capitano di Vascello Gaetano MARTINEZ, in Calabria e Basilicata, con il coinvolgimento di 253 militari, appartenenti alle Capitanerie di Reggio Calabria, Crotone, Vibo Valentia, Gioia Tauro e Corigliano Calabro ed ai rispettivi uffici marittimi dipendenti. “L’obiettivo di garantire la tutela del cittadino quale consumatore finale e del patrimonio ittico nazionale in generale prevenendo l’immissione sul mercato di alimenti non in regola con la normativa vigente, è stato abbondantemente raggiunto. Spiace che ancora una volta siano stati posti sotto sequestro ingenti quantitativi di esemplari sottomisura allo stato giovanile, in special modo pesce spada (misura minima 140 cm) e tonno rosso (misura minima 30 kg o 115 cm), specie ittiche che godono di normative speciali essendo prodotti ittici protetti dalle normative comunitarie per il rischio della loro estinzione. L’attività di controllo alla filiera della pesca da parte di tutto il personale della Direzione Marittima, con tolleranza zero verso coloro che di fatto effettuano attività illecite ed in special modo verso coloro che vendono prodotti alterati dal punto di vista igienico-sanitario o non idonei al consumo umano, fattori che possono provocare gravi ripercussioni per il consumatore finale, invitando la collettività a prestare la massima attenzione nell'acquisto dei prodotti ittici, privilegiando quelli che rispettano le procedure di garanzia e salubrità alimentare, evitando di comprare quelli venduti illecitamente e senza garanzie per strada da ambulanti privi di qualsivoglia autorizzazioni”. (Agenparl)
Inserito da Golfonetwork mercoledì 31 ottobre 2012 alle 12:44 commenti( 0 ) -


Pagina:   << Precedente   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21  22  23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45   46   47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121   122   123   124   125   126   127   128   129   130   131   132   133   134   135   136   137   138   139   140   141   142   143   144   145   146   147   148   149   150   151   152   153   154   155   156   157   158   159   160   161   162   163   164   165   166   167   168   169   170   171   172   173   174   175   176   177   178   179   180   181   182   183   184   185   186   187   188   189   190   191   192   193   194   195   196   197   198   199   200   201   202   203   204   205   206   207   208   209   210   211   212   213   Successiva >>


© 2021 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica