NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » newsarchivio20112012

 



Torna alle news

Ci sono 2123 News in 213 pagine e voi siete nella pagina numero 46

Pieno successo dell'evento velico nella baia di Sapri il 25 e 26 agosto

Hanno avuto pieno successo le manifestazioni veliche, organizzate dal Circolo Nautico Sapri (CNS) nell'ambito delle attività ufficiali del Comitato V zona della Federazione Italiana Vela (FIV) del CONI, che si sono svolte a Sapri il 25 e 26 agosto.
La regata di vele latine "La Spigolatrice", tappa di Sapri del "Circuito delle Sirene", il Campionato Campano delle imbarcazioni tradizionali, da lavoro, crociera o regata, costruite in legno ed armate a vela latina, ha riportato nella Baia di Sapri la più antica vela del Mediterraneo. Quindici meravigliose imbarcazioni tradizionali si sono sfidate nel Golfo offrendo un maestoso spettacolo. Nella classe fino a 5,25 m si è affermata "Vera" di Guglielmo Maraziti che aveva nell'equipaggio la mascotte Luciana di 11 anni del CNS; i colori del CNS sono stati validamente difesi anche dalla "Manu", del prof. Vito Manchisi. Nella classe fino a 7 m la vittoria è andata alla "San Giovese" di Sergio Orza ed in quella oltre 7 m alla "Santa Rosa" (di Giancarlo Antonetti dell'associazione "Vela a Tarchia" di Sorrento). Infine, nella classe Dinghy la prima classificata è stata "Frappy" dell'ing. Pino Ricciardi (CNS), Assessore all'Urbanistica del Comune di Sapri. A conclusione della manifestazione, la bellissima "Zaira", barca d'epoca dell'Associazione "Vela Latina Trapani" perfettamente restaurata in ogni dettaglio, è poi rimasta esposta all'ammirazione dei Sapresi e dei turisti nei giardini del Lungomare per tutto il pomeriggio di domenica.
L'Allenamento collegiale per il Campionato nazionale U16 e per le altre gare ad esso collegate, che si svolgeranno a Cagliari il 6-8 settembre prossimo, ha visto la partecipazione di 15 tra i migliori timonieri delle categorie juniores e cadetti provenienti da 4 circoli nautici della Campania. Questi giovanissimi atleti della nostra Regione, guidati da esperti maestri, hanno mostrato le loro grandi capacità e la loro ottima forma e sapranno certamente farsi valere al Campionato nazionale.
La Regata C3 di classe Optimist "Trofeo Nazario Gallo", che onorava la memoria del Comandate Gallo, socio fodnatore del CNS e Ufficiale di Regata Nazionale della FIV, ha poi visto gareggiare gli stessi ragazzi, con i quali si è degnamente confrontato anche Francesco Vallone, promettente junior del CNS. La vittoria nel Trofeo Gallo è andata a Mario Marsilia (CC IRNO) per gli juniores ed a Flavio Ardimento (CC IRNO) per i cadetti.
Alle gare ed alla cerimonia di premiazione hanno assistito il Vicepresidente della V Zona FIV, ing. Francesco Loschiavo, ed il Sindaco di Sapri, arch. Giuseppe Del Medico, che si sono congratulati con gli atleti che hanno partecipato alle gare e con il CNS per l'inappuntabile organizzazione dell'evento.
"Siamo pienamente soddisfatti per l'esito di questa due giorni, che, insieme al successo delle regate di giugno, dimostra che il nostro Circolo è di nuovo un punto di riferimento per lo sport della vela nel sud della Campania" ha dichiarato il Presidente del CNS dott.ssa M. Carolina Brandi. "Siamo grati ai dirigenti della V Zona FIV, per avere riconosciuto i nostri sforzi, assegnando al Circolo Nautico Sapri gli importanti eventi di questi due giorni ed al Comitato di Regata (Gianfranco Sulis, che lo ha presieduto, Sabina Mascia, Francesco Coraggio e  Fabrizio Marotta), che hanno gestito le gare con inappuntabile professionalità e grande cortesia. Ringraziamo anche l'Amministrazione Comunale e la popolazione di Sapri che hanno capito l'importanza dello sport della vela come fattore per lo sviluppo del proprio territorio e ci stanno aiutando fattivamente nelle nostre iniziative. Devo anche ringraziare particolarmente Guglielmo Maraziti che cooordina con grande passione e eccezionale competenza i circoli che partecipano al Circuito delle Sirene. Voglio poi ringraziare tutti i membri del direttivo ed i soci del nostro Circolo che hanno contribuito, con la loro attiva partecipazione, alla riuscita di queste due giornate. Il CNS continuerà ora nella sua attività, dedicando particolare attenzione alla formazione, specialmente tra i giovani: per tutto il prossimo anno la promozione dell'attività della vela per gli studenti delle scuole del comprensorio del Golfo di Policastro continuerà attraverso il Progetto congiunto MIUR-FIV"VelaScuola". (Comune di Sapri)

Inserito da Golfonetwork mercoledì 29 agosto 2012 alle 09:09 commenti( 0 ) -

Ultim'ora: Vibonati, scoperto cadavere

Vibonati- E' stato ritrovato il cadavere di un uomo. La notizia, giunta in redazione, è in fase di approfondimento. Aggiornamenti nelle prossime ore.

Aggiornamento delle ore 1.45 del 29/8/2012: Il cadavere ritrovato nella serata di ieri, poco prima delle ore 21, è quello di Giuseppe Novellino di anni 71. L'uomo era sparito da casa da domenica scorsa e si erano perse le sue tracce. Il corpo, privo di vita, è stato ritrovato, secondo alcune indiscrezioni, sotterrato nei pressi della ex discarica comunale. Si ipotizza l'omicidio. Indagano i Carabinieri della Compagnia di Sapri. Il cadavere sarà sottoposto a diverse analisi da parte del medico legale per stabilire le cause e l'ora esatta del decesso. L'uomo, in vacanza a Vibonati per un periodo di ferie, doveva ripartire per la città di Torino.

Inserito da Golfonetwork martedì 28 agosto 2012 alle 21:00 commenti( 0 ) -

La dieta mediterranea: umile ma preziosa
Oggi più che mai si sente parlare di dieta mediterranea..se ne parla un pò ovunque, in tv, su giornali o riviste di vario tipo. Chi di noi, poi, non si è trovato ad una cena tra amici in cui ad un certo punto dell’allegro convivio vien fuori quasi all’improvviso l’argomento (per alcuni problematico) dieta? Ad un’alzata di mano, più della metà degli ospiti avrà quasi certamente vissuto l’esperienza della dieta: chi ha provato l’ultima del momento, magari quella importata da qualche guru americano della nutrizione, chi ha fatto da sè o chi ha seguito quella proposta dal nutrizionista di turno. Inizia allora un frenetico scambio di numeri di telefono del dietologo più gettonato e, quasi simultaneamente all’argomento dieta, si sente citare la dieta mediterranea eletta come quella più salutare. Ma cos’è veramente la dieta mediterranea? Cominciamo col definire il termine dieta. Nel linguaggio comune significa sostanzialmente “astinenza dal cibo per motivi di salute” o “dieta dimagrante” ad indicare un indirizzo ben preciso che si può semplificare con la raccomandazione generica di mettersi a dieta. In realtà queste convinzioni, spesso largamente diffuse, sono errate o superficiali. Il termine dieta deriva, infatti, dall’acronimo greco “stile di vita” e si riferisce non solo alla pratica alimentare, alla modalità di cottura e di preparazione dei cibi, ma anche all’attività fisica, alla gestione dello stress e, più in generale, a comportamenti salutistici. Dal punto di vista strettamente alimentare, il concetto di dieta mediterranea riflette un modello dietetico caratterizzato da un insieme di alimenti tipico dei paesi dell’area mediterranea (Grecia, Italia del Sud, Spagna ed altre aree geografiche), di circa 50 anni fa, prototipo esemplare di dieta sana e, costituita cioè da frutta e verdura in abbondanza, cereali, legumi, noci, olio extravergine di oliva, yogurt e formaggio in quantità moderata, uova (non più di quattro a settimana), pesce e pollame (piccole quantità), carne rossa (piccole quantità, non frequentemente), vino al pasto in bassa quantità.
Dal punto di vista storico, l‘espressione dieta mediterranea nasce verso la fine degli anni ’50 per merito non di un italiano ma di un americano, Ancel Keys, professore di Igiene ed Epidemiologia dell’Università del Minnesota a Minneapolis. Arruolatosi nell’esercito americano come medico, alla fine del secondo conflitto mondiale sbarcò a Salerno con le truppe alleate. Seppure in un contesto così drammatico per la storia dell’umanità, ebbe modo di conoscere le terre a sud di Salerno ed in particolare di visitare l’area cilentana. Questi luoghi lo interessarono così tanto che dopo la guerra vi ritornò più volte e negli ’50 si trovava a Pollica, nel Cilento, quando si accorse che in quel luogo il rischio di morte per evento cardiaco era significativamente più basso. Laddove, in particolare, il consumo di cibi di origine vegetale prevaleva su quello di alimenti di derivazione animale e, quindi, l’assunzione di grassi insaturi prevaleva su quella di grassi saturi (tipici di carne rossa, burro, formaggi), si registrava un’incidenza di mortalità cardiovascolare minima. Moderno presocratico (l’antica Velia non è lontana da questi luoghi) unì l’interesse scientifico all’amore per una natura a tratti incontaminata tanto da costruirsi una casa nel piccolo borgo marino di Pioppi e dedicarsi, oltre che alle fasi cruciali della sua ricerca, anche alla cura di un orto, di una vigna e di un uliveto, aiutato nel suo lavoro dalla cuoca Delia e dal contadino Angelo, umili pioppesi che, forse più di tante altre considerazioni, incarnano appieno lo spirito della dieta mediterranea, umile ma al contempo preziosa. Fu così che nacque un cenacolo scientifico di grande valore. Altri ricercatori costruirono, infatti, nuove abitazioni per proseguire i loro studi tutt’oggi attivi emulando la longevità del professor Keys, scomparso centenario nel 2004. A voler essere pignoli, riferimenti all’importanza nutrizionale di verdure, ortaggi e frutta, pilastri della dieta mediterranea, sono antecedenti agli studi di Keys, potendosi ritrovare nel ben più antico Regimen Sanitatis Salernitanum in cui i medici della Scuola Medica Salernitana, la più antica scuola medica conosciuta, facevano ampi riferimenti alla stagionalità dei prodotti alimentari e ad una alimentazione equilibrata ricca di ortaggi e frutta implementando la regola ippocratica “il cibo sia la tua medicina”. Negli ultimi anni, diversi lavori di ricerca, pubblicati su riviste internazionali molto prestigiose, hanno confermato la solidità scientifica della Dieta Mediterranea quale stile alimentare per la prevenzione delle malattie metaboliche, cardiovascolari e tumorali. In particolare, la caratterizzazione della dieta mediterranea come modello di sana alimentazione si basa sulle seguenti evidenze scientifiche storicamente acquisite, razionalmente documentate e tuttora ritenute valide:
1. L’aspettativa di vita per le popolazioni dell’area mediterranea negli anni ’50 (periodo di massima diffusione di questo stile di vita alimentare) era tra le più alte nel mondo così come l’incidenza per molte malattie croniche, per la malattia coronarica e per certi tipi di tumori era nettamente inferiore rispetto alla maggioranza degli altri paesi.
2. I modelli alimentari delle regioni che si affacciano sul Mediterraneo avevano le stesse caratteristiche.
3. I modelli alimentari delle diverse regioni mediterranee con queste comuni caratteristiche sono stati correlati con una bassa incidenza di malattie croniche e con un’alta aspettativa di vita.
Ad evidenza delle sue benefiche peculiarità, dal 2010 la Dieta Mediterranea è riconosciuta dall’UNESCO “Bene Immateriale dell’Umanità”: si tratta di un prestigioso riconoscimento che indubbiamente identifica questo tipo di alimentazione anche come espressione e prodotto di una cultura, quella Mediterranea, che certamente ha segnato il progresso dell’umanità. Ma come realizzare in pratica la Dieta Mediterranea? Va certamente considerata, in base alle sue tradizionali caratteristiche, come una dieta ricca in legumi, frutta, verdure, pesce, olio extravergine di oliva, capace, nel suo complesso, di esercitare un benefico effetto anche sui comportamenti alimentari: migliorando sia la sazietà immediata dopo il pasto che il senso di fame che precede il pasto successivo. Il tempo di masticazione si allunga, così come il tempo di svuotamento gastrico e quindi si modula la secrezione di tutti gli ormoni gastroenterici con svariate funzioni regolatorie. La Dieta Mediterranea ha anche una bassa densità energetica ed un basso “carico glicemico” (ottenuto utilizzando alimenti a basso indice glicemico) ed un intrinseco elevato contenuto in acqua. La quota lipidica della dieta è, poi, per la gran parte rappresentata da olio extravergine di oliva che è un grasso da condimento, quindi non assunto ad alte dosi, oltre agli indubbi vantaggi derivanti dalla sua composizione chimica, dall’alto profilo nutrizionale, dalla sua intrinseca gradevolezza e dall’essere vettore di molte sostanze antiossidanti che contrastano l’azione dei radicali liberi. Da non dimenticare poi il motto dei medici della Scuola Medica Salernitana che, al fine di mantenere un buono stato di salute, prescrivevano oltre ad una moderata diaeta, requies e, cioè, riposo che oggi potremmo tradurre come basso impatto da stress e mens laeta ossia una mente priva di inutili preoccupazioni. Qual migliore elogio di una vita lenta e longeva?
Personalmente ritengo che la recente individuazione negli alimenti cardine della cosiddetta dieta mediterranea di elevate quantità di sostanze naturali ad attività antiossidante e protettiva nei confronti di svariate malattie croniche e degenerative, rappresenti la migliore ricetta per vivere sani e più a lungo.
(Dott. Luca Mattiocco - Biologo Nutrizionista)
www.nutrizionedietetica.it

Inserito da Golfonetwork martedì 28 agosto 2012 alle 20:40 commenti( 0 ) -

Lauria (Pz): arrestato un piromane
Lauria (Pz)- Con l'accusa di aver appiccato un incendio in un terreno di proprieta' della moglie a Lauria (Potenza), un uomo di 77 anni e' stato arrestato dai Carabinieri e ora e' ai domiciliari. I militari hanno fermato l'uomo in flagranza di reato in contrada Sant'Alfonso: l'incendio ha interessato un bosco di circa duemila metri quadrati con alberi di alto fusto. (ansa)
Inserito da Golfonetwork martedì 28 agosto 2012 alle 20:24 commenti( 0 ) -

Comune di Sapri: ordinanza per manifestazioni 1 e 2 settembre 2012


Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork martedì 28 agosto 2012 alle 19:49 commenti( 0 ) -

Castrocucco di Maratea (Pz): provvisoriamente chiusa la strada statale 18

Castrocucco di Maratea (Pz)- A causa di un incendio che ha provocato la caduta di massi e detriti sul piano viabile fra il ponte sul Castrocucco e Maratea (Potenza), sulla strada statale 18 ''Tirrena Inferiore'', e' provvisoriamente chiuso il tratto compreso tra il km 243 e il km 240, in direzione nord. Lo ha reso noto l'Anas. In un comunicato e' specificato che ''il personale dell'Anas e' presente sul posto per ripristinare la circolazione stradale appena possibile''. (Ansa)

Aggiornamento ore 12.30: Sono attualmente al lavoro i Vigili del Fuoco e mezzi aerei per spegnere le fiamme di un incendio divampato in località Poiarelli di Maratea (Pz). Risultano inattivi il ripetitore televisivo Rai e quello di una tv locale posizionati proprio in località Poiarelli e che servono la fascia costiera tirrenica da Praia a Mare (Cs) alla Baia del Carpino di Scalea (Cs), zone non perfettamente illuminate dal sito principale di San Giovanni a Piro.

Aggiornamento ore 20.30: Giornata nera sul fronte degli incendi per il Golfo di Policastro. Sono stati ben quattro i punti critici devastati dalle fiamme favorite dal vento delle ultime ore. Colpito il territorio comunale di San Giovanni a Piro alla frazione Scario dove alcuni residenti, per motivi precauzionali, hanno dovuto abbandonare le proprie abitazioni. Fiamme anche sul Monte Granaro nel territorio del comune di Santa Marina (al confine con il comune di Torre Orsaia). Completano il quadro gli incendi lungo il tratto stradale che collega Sapri con San Costantino di Rivello (Pz) e quello divampato in località Poiarelli di Castrocucco di Maratea (Pz). Nel complesso è stata una giornata nera per tutta la Campania.

Inserito da Golfonetwork martedì 28 agosto 2012 alle 11:45 commenti( 0 ) -

San Giovanni a Piro - Scario - Bosco: Equinozio d'autunno 2012


Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork lunedì 27 agosto 2012 alle 20:43 commenti( 0 ) -

Maratea (Pz): controllate dalla Guardia di Finanza otto imbarcazioni al porto
Maratea (Pz)- Controllate otto imbarcazioni ormeggiate nel porto di Maratea (alcune lunghe 24 metri) dalla Guardia di Finanza durante una ispezione che i militari della fiamme gialle hanno eseguito nel rispetto della privacy. Le persone controllate ''si sono riservate di esibire, successivamente, la ricevuta di versamento del canone Rai". Sono stati individuati ''due lavoratori in nero'', su due diverse barche.
Inserito da Golfonetwork lunedì 27 agosto 2012 alle 20:32 commenti( 0 ) -

Ordinanze Comune di Sapri per la manifestazione "Sapri anni '60"
Atti adottati relativamente alla manifestazione del 30.8.2012 "SAPRI ANNI '60 2012":



Fare clic sull'immagine per ingrandire




Fare clic sull'immagine per ingrandire




Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork lunedì 27 agosto 2012 alle 20:29 commenti( 1 ) -

Vibonati 29-31 agosto Trippice di Arte Contemporanea

VIBONATI. Il "trippice" o "treppiede" era un utensile adoperato per sostenere il calderone dei camini di una volta. Ed il numero tre è presente nella mostra intitolata "Trippice di arte contemporanea". Tre, infatti, sono le artiste di questa collettiva a tecnica mista tutta incentrata sulla donna. Un incontro di scalpelli e pennelli al femminile.
Nelle opere di Ambra Zeffiro, Jessica Ielpo e Marzia Fumagallo la donna, un tempo fonte di ispirazione, elemento centrale e dominante del focolare domestico, diventa ora produttrice ed autrice dell'opera d'arte stessa. Il suo universo di pensiero e di emozioni si rivela al pubblico attraverso l'opera d'arte, consentendo allo spettatore di leggere l'opera poggiata su un privilegiato punto di osservazione, il tripode appunto. In questo modo lo spettatore ammira le opere, ne interpreta il simbolismo e per un istante le fa sue.
Scenario di questa collettiva, che si terrà dal 29 al 31 agosto, sarà Palazzo Vecchio nel centro storico di Vibonati (via Umberto I n.81). La mostra potrà essere visitata dalle 19 alle 24 ad ingresso libero e gratuito. Durante le serate degustazioni enogastronomiche con i vini della cantina di Palazzo Vecchio. (Vito Sansone)

Inserito da Golfonetwork lunedì 27 agosto 2012 alle 17:09 commenti( 0 ) -


Pagina:   << Precedente   1   2   3   4   5   6   7   8   9   10   11   12   13   14   15   16   17   18   19   20   21   22   23   24   25   26   27   28   29   30   31   32   33   34   35   36   37   38   39   40   41   42   43   44   45  46  47   48   49   50   51   52   53   54   55   56   57   58   59   60   61   62   63   64   65   66   67   68   69   70   71   72   73   74   75   76   77   78   79   80   81   82   83   84   85   86   87   88   89   90   91   92   93   94   95   96   97   98   99   100   101   102   103   104   105   106   107   108   109   110   111   112   113   114   115   116   117   118   119   120   121   122   123   124   125   126   127   128   129   130   131   132   133   134   135   136   137   138   139   140   141   142   143   144   145   146   147   148   149   150   151   152   153   154   155   156   157   158   159   160   161   162   163   164   165   166   167   168   169   170   171   172   173   174   175   176   177   178   179   180   181   182   183   184   185   186   187   188   189   190   191   192   193   194   195   196   197   198   199   200   201   202   203   204   205   206   207   208   209   210   211   212   213   Successiva >>


© 2021 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica