NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » newsarchivio20112012

 



Torna alle news dal Golfo

Sapri, consiglio comunale: approvati tutti i 21 punti all'ordine del giorno

Il consiglio comunale di Sapri ha il suo documento di previsione finanziaria per l'anno 2011. Questo è il dato evidente che scaturisce dalla seduta di consiglio comunale che si è svolta sabato sera. Il consesso è iniziato con l'approvazione di delibere che erano collegate al documento finanziario in particolare visto l'enorme tagli di trasferimento che graverà ulteriormente sulle casse comunali, si è deciso di istituire l'addizionale comunale che prevede un prelievo dello 0,2% con esclusione di tutti i redditi inferiori a 15000 euro. Resta invariata l'aliquota Ici al 7 X mille per le abitazioni dei non residenti. Viene confermata la volontà di ottenere economie attraverso la rinuncia delle indennità da parte del sindaco e della giunta comunale a cui si deve aggiungere un taglio del 10% sulle indennità dei capi settore. Il mantenimento degli introiti  per il noleggio dei posti barca al porto e ulteriori economie sulla spesa corrente dovranno garantire l'equilibrio di bilancio e il rispetto del patto di stabilità che ha consentito di ottenere delle premialità negli anni precedenti così come si è evinto dalla relazione del consigliere Antonio Gentile. L'approvazione delle opere triennali ha messo in evidenza la forte volontà dell'amministrazione di voler proseguire sulla strada del rilancio della città dei servizi all'area del golfo di Policastro senza dimenticare l'aumento della qualità dell'accoglienza e dell'ospitalità nella città della Spigolatrice. Alcuni debiti fuori bilancio e regolamenti per l'utilizzo delle strutture e la creazione dell'albo cittadino delle associazioni insieme all'approvazione della variante al piano regolatore e al progetto preliminare per la costruzione del palazzetto di giustizia son state le altre delibere adottate dal consiglio comunale. Sul fronte politico il sindaco D'Agostino ha dato lettura della lettera di dimissioni di due assessori: De Rosa, che ha anche votato contro il bilancio di previsione, e Giuseppe del Prete, che si è astenuto sui provvedimenti finanziari, ed ha quindi passato la parola agli stessi per il loro intervento a cui ha così replicato:- A pochi mesi dalle elezioni trovarci invischiati in una vicenda come questa dove pur non essendoci problemi amministrativi ma solo di regie esterne,che vogliono in tutti i modi paralizzare la città, è davvero assurdo. Sino ad oggi ci siamo battuti per salvaguardare l'autonomia e l'autorevolezza del nostro paese non consentendo a nessuno di farci diventare una colonia disponibile ai voleri altrui. Rivendico per la mia città e i suoi cittadini il rispetto e l'attenzione istituzionale, la crisi economica che ha sconvolto il globo si fa sentire in maniera pesante ed è per questo che come amministratori dobbiamo con responsabilità provare ad uscire fuori dalle secche. Oggi chiediamo sacrifici ai nostri concittadini ma per il secondo anno abbiamo voluto compiere il gesto simbolico di rinunciare alle indennità che ci spettano come amministratori, provando a dare maggiore slancio all'azione di rigore a cui siamo chiamati tutti. Siamo a lavoro per riannodare i fili della nostra attività amministrativa ed andremo avanti fin quando ci saranno le condizioni di poter agire in nome del bene e dell'interesse comune-.

(Vincenzo Massa)

Inserito da Golfonetwork lunedì 13 giugno 2011 alle 18:37


Eventuali commenti non visibili sono in fase di approvazione.

Commento di: Utente non registrato - Ip: 193.193.172xxx - da: Italia. Scritto mercoledì 15 giugno 2011 alle 15:01
bbah, il dato evidente a me pare siano stati gli insulti reciproci. Ma forse avrò sognato tutto.

Commento di: Utente non registrato - Ip: 87.10.159.xxx - da: Sapri. Scritto martedì 14 giugno 2011 alle 13:14
A Sapri caro prof., quando si vuole identificare un tipo un po' cosi ...si dice "si come nu Totaro " secondo Lei questa ex maggioranza puo' andare avanti...?????

Commento di: Utente non registrato - Ip: 82.60.27.xxx - da: Italia. Scritto martedì 14 giugno 2011 alle 00:06
Mi chiedo : la minoranza è composta realmente da cinque consiglieri???

Commento di: Utente non registrato - Ip: 79.9.28.xxx - da: Sapri. Scritto martedì 14 giugno 2011 alle 00:02
Fa' 'e c**te senza 'o tavernaro (fare i
conti senza l'oste).
Per l'anonimo internauta 87.10.159.2xxx
l'aritmetica è un'opinione.
Egli, cioè, ritiene che la partita si
possa chiudere con 8 a 9.
Essere dissidente non significa essere contro, anzi.
Dico, invece, peccato che a fare il
distinguo siano solo due.
In un organo collegiale, come la Giunta
il Consiglio, ogni componente è chiamato a dare il suo apporto in
piena autonomia.
L'atto deliberativo, così, rappresenta
una sintesi delle diverse opinioni.
L'intesa, ovviamente, implica pre-consigli, nei quali confrontarsi ed
eventualmente scontrarsi.
A posteriori, con la regola della
maggioranza propria delle S.P.A.,
si tirano le somme, si decide, salvo
ratificare nelle opportune sedi.
E' questo, secondo me, il senso del
disagio di Del Prete & c..
Il Capo dell'Amministrazione, se è un
politico di razza, ne deve prendere
atto e si deve uniformare.
C'è da osservare, inoltre, che determinare lo scioglimento del Consiglio nei tempi supplementari
non conviene a nessuno.
La gente non capirebbe e l'ipoteca sui
responsabili nella imminente consultazione sarebbe pesante.
In piena estate balneare una cittadina
senza un governo ?
Milano, Napoli e Referendum mostrano
un risveglio di giovani, di donne e di
associazioni che deve far riflettere.
Come procedere ?
Ognuno, secondo me, dovrà fare un esame
introspettivo, finalizzato a verificare
la sua condizione, rispetto agli impegni assunti con gli elettori della
compagine di appartenenza.
Chi si accorge di trovarsi su altra
posizione, per non tradire l'elettorato, deve avere il dovere di dimettersi e non arrogarsi il diritto di fare il "salto della quaglia", passando su altra sponda.
Chi si presta a simile "gioco", devo
supporre, non vorrà fare più politica.
Sapri subirà lo schiaffo paventato ?!
I don't think (non credo).
Cordialità.
prof. Nicola Pisani


Commento di: Utente non registrato - Ip: 87.10.159.xxx - da: Sapri. Scritto lunedì 13 giugno 2011 alle 19:32
Dal famoso detto la matematica non e' un'opinione. maggioranza 12 ,meno due dimessi =10 ,meno due dissidenti =8. minoranza =5, piu' i due dissidenti =7, piu' i due dimessi =9. Ricapitolando Maggioranza 8 minoranza 9 . (cittadino)



Vuoi riservare il tuo nick?
Registrati su Golfonetwork:


Se sei un utente registrato:





Se non sei un utente registrato:




Già eseguito il login?




© 2021 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica