NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » newsarchivio20112012

 



Torna alle news dal Golfo

Comunicazione dell'on. Franco Brusco. Documenti Parco delle Sughere



Fare clic sull'immagine per ingrandire



Fare clic sull'immagine per ingrandire



Fare clic sull'immagine per ingrandire



Fare clic sull'immagine per ingrandire

Inserito da Golfonetwork lunedì 19 marzo 2012 alle 19:25


Eventuali commenti non visibili sono in fase di approvazione.

Commento di: Utente non registrato - Ip: 87.29.99.xxx - da: Vibonati. Scritto giovedì 22 marzo 2012 alle 18:22
caro i.p. 79.27
come sospettavo non leggi con attenzione: hai detto esattamente la stessa cosa che ho detto io: la zonizzazione è la suddivisione del territorio in zone omogenee,A,B,C D, E, a ogni lettera corrisponde un significato, residenziale, industriale, agricola e così via! quindi? il comune è già zonizzato proprio perchè ha un piano regolatore che appunto dice quali sono le zone A, B C e quindi qiuali sono le zone residenziali, industriali agricole etc....quello che dici tu, il piano del parco di cui all'art. 12 legge 394/1991, non è una zonizzazione, poichè si presume già individuata nel piano regolatore la zona entro la quale costituire il parco, che di solito sono le zone agricole, ma è un piano attuativo, e quindi nell'ambito della zonizzazione che il piano regolatore opera a monte, dice quali sono le zone del piano a tutela integrale o meno.Se stai attento, al comma 7 della legge 394/1991, si legge che il piano del parco sostituisce gli altri strumenti di pianificazione presenti, e costituisce dichiarazione di pubblica utilità, indifferibilità e urgenza delle opere in esso previste, ma non fa cenno al fatto che esso costituisca variante al Piano Regolatore, ragion percui, si presume che il piano venga approvato in conformità alla zonizzazione del p.r.g., altrimenti deve essere adottata una variante alla zonizzazione prevista nel p.r.g. prima di approvare il piano del parco.!! Spero ti sia chiaro...e noto che con quella espressione "abbiamo approvato", ho colto nel segno, nel senso che sei stato anche tu nel collegio dei professori universitari che non sanno cosa voglia dire zonizzazione, che ha dato vita a questo mostruoso errore.
Poi, ti ripeto, la giunta non aveva nessun potere di proposta nei confronti della regione, poteva avere tuttalpiù la facoltà di svolgere un lavoro istruttorio, da sottoporre al consiglio comunale il quale poi avrebbe dovuto fare la proposta alla regione...ma vedo che glissi su questo punto e non sai cosa rispondere...non è il consiglio che successivamente doveva concertare sulla base di quella "ignorante" delibera di Giunta, il Consiglio doveva proporre e nessuno, nè il Sindaco, nè la Giunta doveva fare una delibera con la proposta di perimetrazione e l'istituzione del parco da inviare alla Regione, che ripeto, essendo quantomeno distratta, doveva accorgersi che una Giunta comopsta da persone superficiali aveva adottato un atto che non le competeva per niente!..e anche a dare per buona la tua nozione atecnica di zonizzazione, ossia la divisione dell'area individuata come parco in zone
..il tuo Sindaco ha detto che il consiglio comunale aveva approvato la zonizzazione...quindi mettetevi daccordo prima di parlare a vanvera!!..e ora puoi anche non rispondere più...anzi non mi disturbare che devo seguire le lezioni on-line del Cepu!AH..ancora..un'ultima cosa...ma ti ripeto...perchè non avete semplicemente sanato la illegittimità commessa dalla Giunta e dalla Regione e avete invece chiesto la revoca della delibera??!!
non rispondere nemmeno ora...

Commento di: Utente non registrato - Ip: 79.27.153xxx - da: Estero. Scritto mercoledì 21 marzo 2012 alle 23:22
L'Amministrazione di Vibonati ha chiesto l'annullamento della delibera regionale poiché questa non rispettava l'iter che un provvedimento così importante richiedeva, esso andava condiviso, mediato e calibrato sulle esigenze del territorio. La regione ha impedito che ciò avvenisse. Deliberando su una semplice proposta progettuale approvata regolarmente in giunta. Chi si ostina a non voler capire persegue esclusivamente il suo interesse, fare voti! Ma non sarà cosi! L'On. Brusco è il principale responsabile del mancato sviluppo del nostro territorio. Sono i fatti che lo dicono. La scuola che dovrebbe aprire è quella.. della mistificazione. Esemplare, nel caso del parco, è il tentativo di innescare polemiche per carpire il voto di qualche sprovveduto che non conosce i fatti. La storia lo ha già condannato, cosa ha dato come sindaco trentennale? come vicepresidente della provincia e assessore ai lavori pubblici? come deputato? come consigliere regionale? Nullaaaa!! E ora alla vecchiaia viene a fare il nuovo che avanza?? Ma goditi la famiglia finché ne avrai il tempo e abbandonati pure alle nostalgie, dei tempi che furono! A te sta scegliere solo come sarai ricordato....

Commento di: Utente non registrato - Ip: 79.27.153xxx - da: Bosco. Scritto mercoledì 21 marzo 2012 alle 22:17
Caro ip 87. 29 E’ clamorosamente evidente che sei leggermente confuso!! Chi scrive non parla mai per sentito dire!
Dal treccani:
żoniżżazióne s. f. [der. di zona, attrav. un non usato zonizzare «suddividere in zone»]. –In urbanistica, tecnica di pianificazione molto diffusa, tendente a evitare l’uso indiscriminato del suolo, che consiste nell’individuare e vincolare le parti più idonee del territorio per determinate destinazioni (residenza, industria, commercio, ecc.), specificate nel piano regolatore. È detta z. di un parco la suddivisione di un’area protetta in zone a diversa destinazione (zona di riserva integrale, zona di ripopolamento faunistico, ecc.).

Ogni parco deve avere un suo piano che suddivide il territorio in zone (A, riserva integrale; B, riserva generale; C, di protezione; D, sviluppo) !!!!Per capire di cosa stai parlando vatti a leggere la
Legge 6 dicembre 1991, n. 394 vatti a leggere l’Art.12
O il comma 6 della legge 17/2003
Ad ogni modo la spiegazione di cui sopra non ha comunque nulla a che vedere con noi poiché,
Per l’ennesima volta:
L’amministrazione comunale aveva intenzione di preservare la Sughera, creando un piccolo parco urbano che ne facesse da “vetrina”! Per fare ciò ha partecipato ad un bando, con una manifestazione di interesse in consiglio comunale! Successivamente ha approvato il progetto in giunta, in un format obbligatorio che richiedeva tutte le caratteristiche dell’area potenziale interessata, fra cui il perimetro. A tale atto doveva seguire l’approvazione in Consiglio della perimetrazione che andava concertata unitamente al piano del parco. La Regione, illegittimamente, ha precorso i tempi deliberandone l’istituzione, sulla totalità del nostro territorio. Per questo l’abbiamo annullata! Altro che ripetizioni... ti devi iscrivere a Cepu!!!!
Ps: Non ti rispondo più!

Commento di: Utente non registrato - Ip: 87.29.99.xxx - da: Vibonati. Scritto mercoledì 21 marzo 2012 alle 19:22
ma caro i.p. 79.27, perchè il Sindaco ha chiesto la revoca della delibera come dici tu palesemente illegittima?
Se era convinto della bontà della sua azione, poteva riproporre la delibera all'approvazione del consiglio comunale...e avendo la maggioranza avrebbe potuto approvarla sanando la illegittimità...o non ha la maggioranza per farlo? e quindi l'aveva fatto in giunta sperando che nessuno se ne accorgesse facendoli trovare davanti al fatto compiuto come ha tentato di fare...salvo poi tirarsi indietro visto che come al solito ha il coraggio delle sue azioni come quello di un bambino che viene beccato con le mani nella marmellata?!Appunto, come dici tu, se uno ha le p. difende le proprie scelte anche quando sono impopolari se ritiene che siano vantagiose per la comunità che amministra...quindi perchè non le ha difese riapprovando correttamente in consiglio la istituzione e la perimetrazione del parco?....mistero...come quello dei Maya!...Insomma ce l'ha o non ce l'ha la maggioranza per approvare le cose?!

Commento di: Utente non registrato - Ip: 87.29.99.xxx - da: Vibonati. Scritto mercoledì 21 marzo 2012 alle 18:55
per i.p.79.27
parli di zonizzazione, credo tu sia un cons. comunale o giù di lì...ma un cons.comunale o giù di lì che non studia abbastanza e non sa nemmeno cosa voglia dire zonizzazione, forse ne ha sentito parlare distrattamente ma non ha mai approfondito, e parla, come usa dirsi, a pappagallo per sentito dire; anzi probabilmente ha sentito parlare l'illustre Sindaco professore di Urbanistica che ha detto che i Consiglieri di minoranza avevano all'epoca approvato la zonizzazione in consiglio e ora facevano finta di non ricordarsi avendone chiesto la revoca...anch'egli ha le idee un pò confuse, nonostante sia un gran professore, sul concetto di zonizzazione, mentre tu, avendo solo captato le parole zonizzazione e consiglio comunale, le hai messe insieme male, e hai capito che la zonizzazione avrebbe dovuto successivamente approvarla il consiglio...mentre il Sindaco dice che l'aveva già approvata il consiglio comunale...insomma vi unisce il termine zonizzazione ma nessuno dei due ha capito cosa voglia dire!
Allora: la zonizzazione è la divisione del territorio comunale in zone; zona A, zona B, zona C, zona E e così via, ogni zona ha una destinazione es. la zona E è quella agricola. Orbene, la zonizzazione del Comune di Vibonati, come di tutti i comuni d'italia è fatta con il piano regolatore che decide quali siano le zone a, b,c, d, e,...quindi egregio...ci sapresti dire il Consiglio Comunale quale zonizzazione avrebbe dovuto approvare, approvare una nuova zonizzazione significa dire che bisogna approvare una variante al piano regolatore...ma in questo caso non ce n'era bisogno, in quanto al consiglio comunale la legge regionale n.17/2003, vattela a leggere, non te la posto perchè è lunga, chiede di approvare la proposta di istituzione e di perimetrazione del parco..nessuna zonizzazione quindi, perchè i parchi vanno istituiti a norma della legge regionale nelle aree individuate dallo strumento urbanistico (piano regolatore), come aree a verde, a parco, agricole etc., quindi zonizzazione o non zonizzazione ciò che competeva al consiglio comunale era la proposta di istituzione e la perimetrazione del parco...mentre tutto questo l'ha fatto la giunta del professore. Il consiglio comunale all'epoca approvò solo una manifestazione d'interesse alla istituzione del parco, delibere che se ne fanno a centinaia e che vogliono solo dire: si, probabilmente mi interessa fare il parco, ma posso decidere se estenderlo per un km quadrato o per un metro quadrato...ecco il punto è che l'esimio professor sindaco ha portato in consiglio una proposta che chiedeva: vi interessa il parco? il consiglio comunale ha risposto si...ma non ha istituito e perimentrato un bel niente...perchè dalla discussione in ordine alla perimetrazione poteva venir fuori che c'era la volontà di istituirlo ma di estenderlo ad esempio solo per dieci metri quadrati o non istituirlo per niente..mentre il Sindaco e la Giunta, come ha ammesso onestamente il cons. Borrelli, hanno proceduto alla istituzione e alla perimetrazione! Quindi la giunta ha approvato, come dici tu, una proposta di istituzione e di perimetrazione che non poteva proporre,perchè la proposta è del consiglio comunale che la invia alla regione, quindi la Giunta ha approvato tuttalpiù una proposta di proposta che poteva anche fare ma che doveva portare in consiglio comunale, unico titolare del potere di proporre di istituire e perimetrare il parco e di mandare la delibera alla Regione.
Mentre il professore ha fatto la delibera di giunta, non l'ha proposta al consiglio comunale e l'ha mandata direttamente alla Regione Campania, ove, essendoci dei professori come il nostro..., non si sono accorti dell'errore commesso dal nostro professore, e da professori anche loro hanno istituito il parco! Tutto chiaro o te lo rispiego? e ora hai capito anche la differenza tra zonizzazione, istituzione e perimentrazione?!...spiegala anche al Sindaco! p.s. sono disponibile per lezioni private!

Commento di: Utente non registrato - Ip: 2.197.89.xxx - da: Villammare. Scritto martedì 20 marzo 2012 alle 23:37
caro ip 79.127.68.2xxx, altro che pizzini, questi sono atti seri e concreti, così come era chiaro l'interesse da parte della maggioranza di istituire un parco (con i relativi vincoli) al solo fine di soddisfare le ambizioni di un fantomatico presidente (del parco) di se stesso...
Il nostro paese è piccolo, ci conosciamo tutti e le voci circa le aspirazioni di un povero 40'enne in cerca di un'identità o meglio di una sistemazione, circolano...
Avrebbero fatto meglio ad ammetere l'errore come del resto ha fatto Borrelli, dando prova di grande onestà intellettuale.
Questo è quanto, presto verranno a galla grandi retroscena sulla pista ciclabile...

Commento di: Utente non registrato - Ip: 87.17.1.xxx - da: Vibonati. Scritto martedì 20 marzo 2012 alle 21:53
Borrelli ha detto parole chiare ed è stato intellettualmente onesto ad ammettere un errore. Qualcun'altro ha giocato nel torbido e la gente che non è fessa lo ha capito ancora una volta. L'opposizione sta facendo la sua parte ed è intervenuta chiedendo chiarimenti all'assessorato che ha risposto.La maggioranza è sempre più distante dai bisogni della collettività.

Commento di: Utente non registrato - Ip: 79.52.143.xxx - da: Villammare. Scritto martedì 20 marzo 2012 alle 21:48
dall'on. Brusco apprezzatene e riconoscetene le qualità di un ottimo amministratore, non per niente ha dato esempio nel suo comune , in provincia , in regione e in parlamento, caro prof. metti una scuola di formazione politica e addestrali ad amministrare per il futuro dei nostri figli.sono uno che non ti ha mai apprezzato e votato in passato, oggi ammetto le tue qualità politiche

Commento di: Utente non registrato - Ip: 79.27.168.xxx - da: Vibonati. Scritto martedì 20 marzo 2012 alle 18:52
Continua la speculazione su una questione ben chiara! La Giunta comunale di Vibonati ha approvato un progetto che conteneva anche una proposta di perimentrazione. Successivamente la stessa con la zonizzazione si sarebbe dovuta approvare in Consiglio comunale e concertarla... La regione non ha consentito tutto questo e precorrendo i tempi ha deliberato l'istituzione del Parco.
Di chi sarebbe l'errore? Della Regione!
Quali brutte figure? Le brutte figure le fa chi è palesemente di parte e parla senza conoscere le cose!
Quali distinguo?
Chi amministra deve assumersi le proprie responsabilità, ma quando ci sono!
E' facile defilarsi e prendersi gli applausi... Chi ha le p.. deve amministrare e dimostrare di esserne capaci difendendo le proprie scelte, anche quando sono impopolari!
Perchè qui stiamo parlando dell'istituzione di un parco, non della profezia dei maya...
Dunque complimenti all'Amministrazione Comunale di Vibonati che ha provveduto immediatamente a richiedere l'annullamento della delibera regionale, palesemente illegittima, e lo ha fatto formalmente il giorno stesso in cui questa veniva pubblicata.... e successivamente, de visu all'On. Taglialatela...altro che pizzini!!

Commento di: Utente non registrato - Ip: 87.13.109xxx - da: Italia. Scritto lunedì 19 marzo 2012 alle 23:05
Chi fraveca e sfraveca nun perde mai
tiempo.
Il proverbio, per certi aspetti,
potrebbe essere riferibile alla
vicenda del Parco delle sughere.
Per scongiurare "brutte figure", le opere che riguardano il territoro
andrebbero concertate in consiglio comunale all'unanimità.
In ogni caso, passi sbagliati meritano
autocritica e riconsiderazione.
Manuel Borrelli, infatti, pur essendo
espressione del gruppo di maggioranza,
ha avuto l'onestà intellettuale di
fare il distinguo rispetto ai compagni
di cordata.
Errare è umano, ma perseverare è diabolico.
Cordialità.
prof. Ncola Psani



Vuoi riservare il tuo nick?
Registrati su Golfonetwork:


Se sei un utente registrato:





Se non sei un utente registrato:




Già eseguito il login?




© 2021 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica