NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » newsarchivio20112012

 



Torna alle news dal Golfo

Forte scossa di terremoto avvertita nel Golfo di Policastro

Aggiornamento: Un terremoto di magnitudo(Ml) 5 è avvenuto alle ore 01:05:24 italiane del giorno 26/Ott/2012 (23:05:24 25/Ott/2012 - UTC).
Il terremoto è stato localizzato dalla Rete Sismica Nazionale dell'INGV nel distretto sismico: Pollino.

Una scossa di terremoto è stata chiaramente avvertita pochi minuti fa (ore 1.05) nell'area del Golfo di Policastro. La magnitudo potrebbe essere di 5.1 gradi Richter, l'epicentro sembra essere vicino alla zona di Castrovillari (Cs). A breve informazioni più precise.

Aggiornamento ore 1.50: La scossa è stata avvertita anche a Cosenza e sulla costa calabra tirrenica. L'epicentro è stato localizzato tra i comuni di Mormanno (Cs) e Laino Castello ad una profondità di 6,3 chilometri. Il sisma è stato seguito da ulteriori  quattro scosse di assestamento, la più forte con magnitudo 3,3.

Aggiornamento ore 2.09: In alcune zone della Calabria manca l'energia elettrica, la gente è in strada per la paura e la Protezione Civile sta verificando se ci sono danni. Il sisma è stato avvertito anche a molti chilometri di distanza, in diversi comuni della Campania, Basilicata, Puglia e Calabria.

Aggiornamento ore 2.22: Sono 10 le scosse di assestamento dopo la prima e forte scossa di terremoto. Il sisma è stato avvertito anche a Napoli, Salerno, Battipaglia, Matera, Gioia Tauro. Si segnalano danni ed è in corso di evacuazione l'ospedale di Mormanno (Cs). Una vittima per infarto a Scalea (Cs). A Rotonda (Pz) ha preso fuoco una cabina elettrica.

Aggiornamento ore 2.55: Situazione critica a Mormanno. L'ospedale è stato evacuato. Danni ad alcune strade. Due squadre di soccorso dei Vigili del Fuoco di Lauria e Terranova del Pollino sono giunte a Rotonda (Pz). Danni alla strada di collegamento con Campotenese.

Aggiornamento ore 3.01: Seri danni alla chiesa di Mormanno. Apprendiamo, da notizie frammentarie e da confermare, che dovrebbe essere crollato il campanile.

Aggiornamento ore 3.07: Allestito un campo di soccorso presso il campo sportivo di Viggianello (Pz). A Belvedere Marittimo (Cs) la gente è ancora in strada. A Mormanno (Cs) vengono segnalate crepe nelle abitazioni e vetri in frantumi.  Al momento si ipotizza l'eventuale evacuazione dell'ospedale di Castrovillari (Cs).

Aggiornamento ore 3.17: A Latronico (Pz) si sta valutando di non riaprire le scuole per verificare gli eventuali danni.

Aggiornamento ore 13.40: Nel Golfo di Policastro la scossa è stata avvertita chiaramente. Chi aveva il televisore in funzione o le luci dell'abitazione accese ha potuto notare un abbassamento di tensione sulla rete elettrica seguita da un boato e poi il verificarsi del movimento tellurico. Diversi comuni della costa tirrenica calabrese sono rimasti al buio per un black out elettrico. Anche ad Acquaformosa (Cs) e a Lauria (Pz)il sisma ha svegliato la popolazione. 

Un sisma di magnitudo 5 è stato registrato all'1:05 tra Calabria e Basilicata, e avvertito fino in Campania. Un anziano è morto d'infarto. A Mormanno pazienti trasferiti in altri ospedali.
Il capo della protezione civile, Franco Gabrielli, arriverà in mattinata a Mormanno per fare il punto della situazione dopo la scossa di terremoto di magnitudo 5 della scorsa notte. Gabrielli incontrerà l'unità di crisi che è stata costituita per seguire gli sviluppi della situazione e si recherà nell'ospedale di Mormanno che è stato evacuato per i danni subiti a causa del sisma.
Sono state registrate finora oltre 100 repliche della scossa di terremoto che nella notte ha colpito l’area del Pollino. Lo rende noto il funzionario di sala sismica dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv), Rita Di Giovambattista. Al momento, la replica piu’ forte, di magnitudo 3.3, è avvenuta all' 1:16. Altre repliche rilevanti sono avvenute alle 4:25 e alle 4:40, entrambe di magnitudo 2.9.
MORMANNO (COSENZA) - ''Noi a casa non ci torniamo. E' stato terribile e abbiamo troppa paura''. Carmelo Parlato e' un brigadiere dei Carabinieri in pensione. Come la gran parte degli abitanti di Mormanno ha trascorso la notte in auto dopo la scossa di terremoto di magnitudo 5 che all'1:05 ha colpito l'area del Pollino, tra la Calabria e la Basilicata. Una scossa che ha rappresentato l'apice di uno sciame sismico che si protrae da oltre due anni e che ha registrato oltre 2.000 episodi.
La scossa della scorsa notte ha fatto registrare la morte di un pensionato di 84 anni, deceduto a Scalea a causa di un infarto provocato dalla paura. Gli effetti piu' evidenti del terremoto si sono registrati a Mormanno, dove e' stato deciso di evacuare l'ospedale e di chiudere le scuole per due giorni, ed in altri centri come Laino Borgo, Altomonte e Rotonda. Anche ad Altomonte, dove si sono verificati alcuni crolli, il sindaco, Gianpietro Coppola, ha deciso la chiusura della scuole. A Laino Borgo e' stata sgomberata una casa di riposo per anziani.
A Mormanno l'impatto che si avverte arrivando in paese e' quello con il terrore che ha vissuto e che continua a vivere la gente. Carmelo Parlato ha trascorso la notte in auto insieme alla moglie ed ai figli. ''E' stato terribile'', dice la moglie di Parlato con le lacrime agli occhi. ''Abbiamo vissuto - dice - momenti di vero e proprio terrore. La casa ha tremato ed abbiamo temuto che da un momento all'altro ci crollasse addosso. Abbiamo preso le poche cose che siamo riusciti a trovare e ci siamo precipitati in strada. Eravamo preparati dopo le tante scosse degli ultimi mesi ma non pensavamo che potessimo vivere momenti cosi' terribili''.
I segni del terremoto si notano gia' lungo la strada che collega Mormanno con l'autostrada Salerno - Reggio Calabria. Sull'asfalto sono tanti i pezzi di roccia staccatisi dai costoni laterali in seguito alla scossa di terremoto.
La macchina dei soccorsi e' in piena attivita'. A Mormanno si e' svolta una riunione presieduta dal Prefetto di Cosenza, Raffaele Cannizzaro, con i vertici delle forze dell'ordine e con i sindaci dei comuni danneggiati. Durante la riunione e' stato fatto il punto della situazione e sono state decise una serie di iniziative per fronteggiare la situazione. Il comando provinciale dei vigili del fuoco ha richiamato il personale libero da servizio in modo da poter attuare tutti gli interventi necessari. Con la luce del giorno inizieranno i sopralluoghi per avere un quadro completo dei danni. (ANSA -  Ezio De Domenico)



Fare clic sull'immagine per ingrandire





Fare clic sull'immagine per ingrandire
 
Inserito da Golfonetwork venerdì 26 ottobre 2012 alle 01:19


Eventuali commenti non visibili sono in fase di approvazione.



Vuoi riservare il tuo nick?
Registrati su Golfonetwork:


Se sei un utente registrato:





Se non sei un utente registrato:




Già eseguito il login?




© 2021 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica