NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » comunicati

 






Notizie flash
Salerno- Ragazza minacciata con una pistola puntata alla nuca da due giovani delinquenti e derubata della sua auto. E' accaduto al Rione Carmine.

Inserito da Golfonetwork lunedì 25 settembre 2017 alle 13:43 commenti(0) -

Salerno, Cirielli: lungomare Trieste terra di nessuno

Salerno, Cirielli: lungomare Trieste terra di nessuno, e' emergenza criminalita'
“I gravissimi episodi di violenza consumatisi nelle scorse ore a Salerno ai danni di due agenti della polizia locale e di quattro poliziotti da parte di extracomunitari confermano, se ancora fosse necessario, quanto ripetiamo da tempo. C’è un’escalation di criminalità e c’è un’emergenza sicurezza che non può più essere sottovalutata. Il lungomare Trieste, in particolare, è ormai teatro di illegalità e si appresta a diventare terra di nessuno”. È quanto dichiara Edmondo Cirielli, deputato di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale.
“Presenterò una nuova interrogazione al ministro Minniti per capire quali provvedimenti intenda adottare nell’immediato per restituire sicurezza ai cittadini salernitani – aggiunge – e consentire alle nostre forze dell’ordine, a cui va la mia solidarietà per quanto accaduto, di operare adeguatamente. La situazione è ormai degenerata e a ben poco servono le parole. Occorrono i fatti. Il Pd salernitano, complice di Renzi in questa strategia dell’accoglienza indiscriminata che si è trasformata in una vera e propria invasione di delinquenti, dovrebbe farsi un esame di coscienza, così come sarebbe stata necessaria una norma per aumentare la repressione per arginare le violenze sempre più frequenti contro le forze dell’ordine. La sinistra, invece, ha voluto introdurre un nuovo reato, la tortura, per intimidire le forze di polizia quasi fossero loro l’emergenza criminalità”.
(Ufficio Stampa On. Edmondo Cirielli)


Inserito da Golfonetwork lunedì 25 settembre 2017 alle 11:15 commenti(0) -

Agenti della Municipale aggrediti a Salerno,l´appello Uil Fpl

Agenti della Municipale aggrediti a Salerno, l’appello del segretario generale Donato Salvato della Federazione Poteri Locali della Uil ai vertici del Comune: “Subito pistole elettriche in dotazione ai poliziotti, corsi di autodifesa per tutti gli agenti, nuove assunzioni e telecamere sul lungomare. Le belle parole dei politici ora servono poco, c’è bisogno di programmazione”. Il sindacalista Gerardo Bracciante: “Episodio inquietante, che dimostra la poca sicurezza che c’è nella città capoluogo”.
"Telecamere sul lungomare, corsi di autodifesa personale e dotazione di pistola elettrica Taser per tutti gli agenti della Municipale di Salerno. Le belle parole di solidarietà dei politici adesso servono a poco per quei colleghi che sono stati aggrediti e, per sempre, non potranno dimenticare quei momenti interminabili". Donato Salvato, segretario generale della Federazione poteri locali della Uil di Salerno, non usa mezze misure per commentare l'episodio di violenza avvenuto sul lungomare della città capoluogo e ha visto malmentati due poliziotti del Comando municipale di Salerno. "Oltre le parole servono i fatti. In primis a partire dalle nuove assunzioni, che servono subito per svecchiare un Corpo che anagraficamente ha un'età media davvero alta. Il Comune di Salerno deve concretizzare quanto affermato negli ultimi giorni, perché dei lavoratori non possono pensare di essere aggrediti solo perché tentano di fare il proprio dovere". Poi la questione si sposta sul tema nazionale. "Il decreto ministeriale 145 del 1987, quello che regolamenta l'armamento in dotazione alla polizia municipale, deve cambiare. Da tempo, come sindacato, lo chiediamo al Governo. Non si può pensare che ci siano agenti di serie A e serie B. Quelli della municipale svolgono un lavoro delicato, soprattutto a Salerno". E qui l’appello al Comune guidato dal sindaco Enzo Napoli: “Era il 2007 quando l’allora primo cittadino Vincenzo De Luca dotò di manganelli i vigili urbani di Salerno. Ora bisogna andare oltre. L’Ente installi delle telecamere sul lungomare, per monitorare chi non rispetta la legge, dia la possibilità ai suoi lavoratori di prendere parte a corsi di autodifesa, visto anche la collaborazione con associazioni che già offrono servizi gratuiti alla cittadinanza in collaborazione il Comune, e doti tutti gli agenti della Municipale di pistola elettrica,  che trasmettono impulsi in grado di immobilizzare temporaneamente la persona che in quel momento è fonte di pericolo. Non servono le richieste roboanti, ma semplice programmazione”, ha concluso Salvato.
Solidarietà  agli agenti salernitani è arrivata dal segretario confederale della Federazione poteri locali della Uil di Salerno, Gerardo Bracciante.  “C’è una recrudescenza delle  attività criminose e la tutela del territorio non può essere lasciata ai pochi agenti di polizia municipale. E’ del tutto evidente che debba essere rivista l’organizzazione dell’intero Corpo, distribuito attualmente in tre turni lavorativi e riducendo, così, notevolmente  il numero di agenti adibiti alle attività di controllo. L’episodio assume maggiore  rilevanza perché gli agenti , pur essendosi qualificati, sono stati oggetto di aggressione forse proprio in dispregio della funzione da loro ricoperta”.
Sulla stessa lunghezza d’onda anche i delegati sindacali della Polizia municipale di Salerno della Uil, Ciro Carbonaro e Achille Pironti: “Esprimiamo preoccupazione e sdegno per quanto  accaduto. Ai colleghi va il nostro sostegno e la piena solidarietà”, hanno detto. “Quanto verificatosi è la prova che, a nostro avviso, la città non è adeguatamente controllata, al punto che i delinquenti possono agire indisturbati. E’ inutile sbandierare, a mo’ di spot pubblicitario, statistiche di reati in diminuzione. Le attività criminose non si combattono  con i numeri ma con più uomini e mezzi sulla strada”.
(Uil Fpl Salerno)


Inserito da Golfonetwork lunedì 25 settembre 2017 alle 11:09 commenti(0) -

Agenti della Municipale aggrediti sul lungomare di Salerno,l´allarme della Cisl

Agenti della Municipale aggrediti sul lungomare di Salerno, l’allarme della Cisl Funzione pubblica provinciale. Il segretario Pietro Antonacchio e i sindacalisti Adolfo Abate e Raffaele Vitale: “Situazione già segnalata nel 2013 e ignorata dal Comune. Gli agenti in servizio a Salerno evitino di intervenire se temono per la propria sicurezza. Subito nuove assunzioni per risolvere la carenza di personale e abbassare l’età media dei poliziotti in servizio”.
La Cisl Funzione pubblica di Salerno sul piede di guerra dopo l’episodio che ha visto due agenti della Polizia municipale aggrediti sul lungomare da alcuni venditori ambulanti non in regola. “Stupefacenti, ambulantato selvaggio, abusivismo commerciale, materiali contraffatti, ordine pubblico e chi più ne ha più ne metta: questo è ciò che si verifica passeggiando sul lungomare cittadino e questo è ciò contro cui sta lottando in completa solitudine la Municipale di Salerno è paradossale che gli agenti vengano continuamente denigrati da politici di turno che ne contestano la scarsa presenza sul territorio ed essere considerati “cialtroni “o come causa di “vergogna nazionale” quando esercitano i loro diritti di assemblea e allo stesso tempo si permette che questi vengano ignorati da Prefettura e Questura che, a tutt’ oggi, ancora non approntano un idoneo servizio interforze sul lungomare, consentendo che sia la sola polizia municipale a caricarsi delle solite problematiche”, ha dichiarato Adolfo Abate, coordinatore della Polizia Locale per la Cisl Funzione pubblica di Salerno. “Il lungomare è diventato ormai territorio con gravi problemi di ordine pubblico e quindi di competenza di polizia, carabinieri e Guardia di Finanza. E’ una “vergogna nazionale” che un datore di lavoro privato venga giustamente sottoposto a controlli capillari sul rispetto delle norme di sicurezza, mentre un ente pubblico disattende continuamente le stesse norme consentendo che i propri dipendenti della Municipale siano continuamente esposti a potenziali rischi e debbano addirittura elemosinare la fornitura di radio ricetrasmittenti o la completa fornitura dei capi di vestiario”.
Sulla stessa lunghezza d’onda anche Raffaele Vitale, segretario aziendale della Cisl Funzione pubblica di Salerno. “Il grido d’allarme è stato lanciato dalle organizzazioni sindacali già nel 2013 e ribadito ancora nell’ ultimo incontro 12 settembre scorso con l’assessore Mimmo De Maio dai rappresentanti di Cisl, Uil e Csa, dove è stata dichiarata formale diffida ad escludere la colpa lieve da parte dell’Amministrazione nel caso avvenissero incidenti a colleghi che si trovassero ad operare in condizioni di scarsa sicurezza”, ha detto. “Come sindacato esprimiamo la piena solidarietà agli agenti aggrediti, comunicando che farà di tutto per tutelare gli operatori di polizia municipale nelle sedi competenti , comunicando altresì ai propri iscritti di tutelare la propria sicurezza in prima persona e di astenersi dall’effettuare interventi che possano compromettere la propria incolumità. Inoltre, informeremo gli organi di controllo della sicurezza sul lavoro per i provvedimenti da adottare in tema di mancato rispetto delle norme di sicurezza da parte del Comune di Salerno”.
Sulla questione è intervenuto anche Pietro Antonacchio, segretario generale della Cisl Funzione pubblica di Salerno. “Agli agenti va tutta la solidarietà del sindacato che rappresento”, ha affermato. “Al Comune di Salerno chiedo tempi brevi per le nuove assunzioni. La carenza di personale e l’età media alta degli agenti sono problematiche connesse alla precaria sicurezza dei poliziotti della Muncipale impegnati sul territorio della città capoluogo”.
(Cisl Salerno)




Inserito da Golfonetwork lunedì 25 settembre 2017 alle 11:06 commenti(0) -

Castel San Giorgio: continuano i lavori di messa in sicurezza

Canale in località Torello, continuano i lavori di messa in sicurezza a Castel San Giorgio. L’assessore Franco Longanella: “Intervento completato al 60%. Il canale non veniva pulito da anni e ora con il sindaco Paola Lanzara abbiamo diminuito i problemi di alcune frazioni, tutelando il territorio”.
Proseguono spediti i lavori in località Torello di Castel San Giorgio iniziati la scorsa estate. L'assessore Francesco Longanella e il sindaco di Castel San Giorgio, Paola Lanzara, hanno portato al 60% della messa in sicurezza del canale che, in passato, ha creato non pochi problemi ai residenti del posto. Dopo Ferragosto, infatti, è avvenuto il primo intervento a opera del Consorzio di Bonifica del Sarno. Un intervento ritenuto un tassello importante per il raggiungimento di obiettivi quali la sicurezza e la pulizia del territorio, anche negli angoli più remoti. “E' risaputo che, dopo la stagione estiva, ci sia un'alta percentuale di fenomeni temporaleschi anche consistenti e questo intervento serve a mettere in sicurezza Torello”, ha detto Longanella. “Stiamo dimostrando grande attenzione e impegno per il territorio. Solo la programmazione può aiutarci a fare il massimo per la nostra comunità. Tutto è avvenuto anche grazie agli operatori della San Giorgio Servizi, con l’amministratore Carmine Di Leo impegnato in prima linea. Il canale di Torello non veniva pulito da anni e ora con il sindaco Paola Lanzara abbiamo diminuito i problemi di alcune frazioni, mettendo in sicurezza il territorio”.
Ma gli interventi di pulizia continueranno anche nelle prossime settimane. L’obiettivo, infatti, è arrivare all’inverno con i canali bonificati. Una questione che Longanella, anche in campagna elettorale, ha ribadito, facendola diventare uno dei temi portanti del suo programma elettorale. “Non ci fermiamo da questo punto di vista e con la “San Giorgio Servizi” vogliamo intervenire su tutta la città. Inoltre, anche con la Gori, stiamo mettendo in atto una collaborazione che sta portando l’azienda di Ercolano alla pulizia della nostra rete fognaria”, ha continuato. “Infine, stiamo dialogando con gli altri Enti nell’ambito dell’Unione dei Comuni della Valle dell’Orco. Pensiamo che sia giusto presentare progetti sovracomunali per ottenere fondi utili a migliorare le nostre comunità”.
(Franco Longanella)


Franco Longanella


Inserito da Golfonetwork lunedì 25 settembre 2017 alle 10:58 commenti(0) -

Siano: Parcheggi a pagamento, la gara del Comune viene disertata

Parcheggi a pagamento, la gara del Comune viene disertata dal Comune e il servizio slitta. Il gruppo di “Siano nel Cuore” contesta la Giunta Marchese. Il consigliere Antonio Buonaiuto: “Ennesima figuraccia della maggioranza costretta a fare marcia indietro. Devono dimettersi”. Il consigliere Carmine Leo: “Inascoltate le nostre proposte per migliorare il servizio. Ignorata anche la richiesta di un confronto con i cittadini”.
La gara per il servizio del parcheggio a pagamento va deserta e il gruppo di "Siano nel Cuore" contesta la maggioranza del sindaco Giorgio Marchese. "Nella delibera di Giunta numero 147 si legge che le ditte invitate dall'Ente a partecipare al bando non hanno risposto e, dunque, tutto è rimasto lettera morta", ha detto Antonio Buonaiuto, capogruppo di “Siano nel Cuore”. "Ciò evidenzia il pressapochismo di questa Amministrazione, che voleva affidare per 6 mesi il servizio a un costo di 5mila euro in una comunità come quella di Siano. La marcia indietro del sindaco e dei suoi fedelissimi, che hanno portato il bando a un anno e a versare il 20% del costo di ogni ticket venduto all'azienda che vincerà l'appalto, dimostra che questa coalizione continua a raccogliere solo flop. Le dimissioni sarebbero l'unico atto dovuto per la dignità dei cittadini".
Sulla stessa lunghezza d’onda anche Carmine Leo, consigliere comunale di “Siano nel Cuore”. “Chissà quanto tempo bisognerà aspettare ancora affinché si debba vedere il servizio diventare operativo. Sulla sosta sulle strisce blu abbiamo sempre detto che sarebbe dovuto avere un confronto con la cittadinanza, oltre a predisporre il pagamento tramite app su dispositivo mobile, come uno smartphone, che permetterebbe ai cittadini un risparmio economico in quanto dà la possibilità di pagare in base al tempo effettivo di parcheggio. Tutto questo faceva parte di una nostra mozione, presentata durante il consiglio comunale tenutosi lo scorso aprile. Infine, si era auspicata anche sulla riattivazione degli abbonamenti annuali, con sconti per le famiglie tra i 25 e i 60 euro per residenti e non. Ma le nostre proposte sono state bocciate. Non parliamo poi della possibilità di parcheggiare sulle strisce blu senza pagare nulla per un tempo massimo di quindici minuti da regolamentare con il disco orario. In città manca ancora la segnaletica che avvisi gli automobilisti.”, ha detto. “Marchese ripete che la sua Giunta fa fatti e non chiacchiere, oltre ad ascoltare la comunità. Purtroppo non è così. Sul tema avevamo chiesto un referendum pubblico, ma ovviamente la maggioranza ha glissato come al solito. Siano è in mano a un gruppo di dilettanti allo sbaraglio”.
(Gruppo consiliare Siano nel Cuore)


Antonio Buonaiuto


Inserito da Golfonetwork lunedì 25 settembre 2017 alle 10:55 commenti(0) -

Notizie flash

Corleto Monforte- Morto un uomo nella Grotta del Falco. La vittima è Roberto Giacobbe, 35 anni originario della provincia di Foggia. Il trentacinquenne lascia la moglie e due figli. Il recupero del cadavere è stato molto difficoltoso e sono state utilizzate anche piccole cariche di esplosivo. Le indagini sulla tragedia sono affidate ai Carabinieri della Compagnia di Sala Consilina.

Calcio- Serie D: Palazzolo-Gelbison 1-0

Pisciotta- Previsto per domani il Consiglio Comunale.

Nocera Inferiore- Infermiera all'ospedale Umberto I cade con bimbo in braccio e lo schiaccia con il corpo. Il piccolo è ricoverato in prognosi riservata.

Viabilità- Riaperto al transito la S.S. 18 tra Sapri ed Acquafredda (Pz).

Vallo della Lucania- Il giornalista Enzo Landolfi socio onorario del Rotary Club Vallo della Lucania.

Calcio- Serie B: Salernitana-Spezia 2-0

Roscigno- Incendi e Siccità: il Comune chiede lo stato di calamità naturale.

Caselle in Pittari- Grosso masso cade dal costone roccioso sulla S.P. 16.

Pontecagnano- Incidente stradale sulla A2 (ex A3 Salerno-Reggio Calabria): ferite sei persone.

Salerno- Vigili Urbani circondati ed aggrediti sul lungomare da dieci venditori abusivi stranieri; è accaduto ieri. Da molti cittadini si invoca l'invio dell'Esercito per garantire la sicurezza. Due agenti della Polizia Municipale sono stati ricoverati in ospedale dopo il pestaggio.


Inserito da Golfonetwork domenica 24 settembre 2017 alle 20:39 commenti(0) -

Cisal: Giustizia lumaca a Salerno

Giustizia lumaca a Salerno e un meccanico dal 1998 aspetta una sentenza sul contenzioso contro il Comune che gli ha fatto chiudere la propria autofficina. Luigi Vicinanza della Cisal raccoglie l’appello dell’artigiano Francesco Salzano: “Questo lavoratore adesso ha 80 anni e non può più lavorare, gli hanno distrutto la vita per una storia che è iniziata dopo il terremoto del 1980. Ha chiesto i danni al Comune di Salerno. La magistratura dia una risposta celere al silenzio assordante delle istituzioni che hanno affossato un uomo onesto”.
Un meccanico di Salerno da anni attende il pronunciamento dei magistrati sul contenzioso iniziato con il Comune, dopo che nel 1980, a seguito del terremoto, aveva spostato la propria attività in alcuni locali di proprietà dell'Ente in via Paradiso di Pastena. Il suo drammatico appello è stato raccolto da Gigi Vicinanza, sindacalista della Cisal provinciale. Il Comune di Salerno, in seguito al terremoto del 1980, ha dato in via temporanea quei locali al signor Salzano. Nella zona orientale, in via Paradiso di Pastena, l'attività di riparazione di auto di grossa cilindrata del signor Salzano si è sviluppata. Nel corso degli anni, il proprietario dell'officina ha anche provato ad acquistare i locali, ma nel 1998 è iniziato un contenzioso legale che deve ancora vedere la parola fine.
Una questione su Vicinanza ora chiede chiarezza. “Qualcuno che conta e che può fare qualcosa senta il grido di dolore e di disperazione del signor Salzano e gli dia una risposta”, ha spiegato il sindacalista della Cisal. “Questa è una vicenda che si trascina dal 1980. Da allora sono passati 37 anni e i magistrati di Salerno non hanno ancora deciso nulla. Oggi il signor Salzano ha 80 anni e non può più lavorare. Questa causa gli ha rovinato la vita e ora chiede i danni al Comune. Si tratta di una vergogna inaudita. A farmi paura è anche l’assordante silenzio delle istituzioni che, incuranti della sofferenza di chi non chiedeva altro che di poter svolgere la propria attività lavorativa per vivere dignitosamente, fanno scivolare via il tempo senza prendere una decisione e senza preoccuparsi minimamente del tormento di questo artigiano che aspetta giustizia e, nonostante tutto, ha ancora fiducia in essa. Mi appello ai vertici del Tribunale di Salerno, affinché il signor Salzano riceva risposte definite su questo contenzioso, su cui la politica si è dimostrata indifferente, visto la causa intenta nell’ormai lontano 1998 dall’allora sindaco De Luca. Penso che i tempi adesso siano maturi per una sentenza definitiva sulla vicenda”.
(Cisal Salerno)




Inserito da Golfonetwork sabato 23 settembre 2017 alle 19:38 commenti(0) -

Salerno: i Rotary della Città incontrano lo storico Pino Aprile
Lunedì 25 settembre, alle ore 18,00, presso il Salone dei Marmi di Palazzo di Città, alla presenza del sindaco, Vincenzo Napoli, su proposta del Rotary Club Salerno, presieduto da Gaetano Pastore, i cinque Club Rotary del capoluogo terranno un importante incontro-dibattito dal titolo "La storia imbavagliata". Relatore, il giornalista e scrittore Pino Aprile.
Indirizzato a tutti gli istituti di istruzione superiore della città, durante la serata, sarà illustrato il bando di concorso sul tema "La storia dell'Unità d'Italia raccontata dagli studenti".
La finalità del concorso è di offrire ai giovani delle quarte e quinte classi spunti di riflessione sulle ragioni vere dell'Unità d'Italia, non solo per favorirne una ulteriore occasione di analisi critica ed approfondimento, ma anche per contribuire a far accrescere in loro la consapevolezza della centralità e della rilevanza che assunse ed ha assunto per gli anni a seguire quel delicato passaggio storico.
Il premio riservato consiste in una vacanza studio a Torino, prima capitale d'Italia, in gemellaggio con i Club Rotary del capoluogo piemontese.
(Tony Ardito)



Fare clic sull'immagine per ingrandire


Inserito da Golfonetwork sabato 23 settembre 2017 alle 19:23 commenti(0) -

Sanza: parte ufficialmente l'attività della Consulta del Commercio

Sanza- Parte ufficialmente l’attività della Consulta del Commercio. L’iniziativa, promossa dall’amministrazione comunale su impulso del Consigliere delegato al Commercio, Antonella Confuorto, è stata discussa ed approvata nella serata di ieri, 21 settembre, nell’ambito dell’incontro che si è tenuto presso l’aula consiliare del comune finalizzato ad analizzare le problematiche riguardanti il comparto commerciale locale. Presenti all’incontro decine di commercianti, artigiani ed imprenditori locali in un confronto aperto sulle necessità di “fare squadra” e lavorare ad un progetto complessivo di rilancio del comparto commerciale. “Riteniamo la nascita della Consulta un importante strumento di coesione sociale che ci permetterà di varare al più presto un Piano di rilancio del settore commerciale, strategico per la nostra economia – ha affermato il Consigliere delegato Antonella Confuorto – siamo soddisfatti per la condivisione e per le numerose adesioni. Credo che questa potrà certamente essere una buona occasione per rinnovare la collaborazione fra l’amministrazione comunale e le numerose attività commerciali. È anche l’occasione per creare unità in un momento con difficoltà economiche notevoli. Serve unione per superare la crisi e serve soprattutto buona volontà” ha aggiunto Confuorto. La crisi del commercio al dettaglio purtroppo non si ferma. Nel 2016 il settore ha registrato, rispetto al 2010, una diminuzione delle vendite basata sulla mancanza di liquidità delle famiglie, si stima in almeno 300 euro di spesa in meno per famiglia. A crollare sono soprattutto le vendite dei negozi della distribuzione tradizionale. A tal riguardo il Consigliere Confuorto si è fatto portavoce di un’altra iniziativa che potrà essere attivata nell’immediatezza “Spendiamo a Sanza”, una formula con incentivi al consumo per sostenere il piccolo commercio locale. Sul fronte dello sviluppo turistico, infine, si sta lavorando ad un Piano di promozione locale e durante l’assemblea si è proceduto all’aggiornamento del censimento dei posti letto disponibili in previsione dell’organizzazione generale di un progetto turistico culturale che inizierà ad aprile 2018.

(Comune di Sanza)


Inserito da Golfonetwork venerdì 22 settembre 2017 alle 21:22 commenti(0) -

© Riproduzione riservata

Archivio news
Archivio news 2014
Archivio news 2013
Archivio news 2011-2013
Archivio news 2008-2011


© 2017 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica