NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » news_regionali

 







Anas: sabato 18 novembre chiusa la galleria “Parco della Reggia”

Campania, Anas: per la rimozione di rifiuti abbandonati lungo la strada statale 700 “della Reggia di Caserta”, tra le ore 10.00 e le ore 15.00 di domani, sabato 18 novembre, chiusa la galleria “Parco della Reggia”
Inoltre, per lavori di nuova  pavimentazione nell’ambito dell’Accordo Quadro #bastabuche, limitazioni al traffico lungo il Raccordo Autostradale 9 “di Benevento” e la strada statale 91/Racc “della Valle del Sele”, in provincia di Avellino
Anas comunica che, per l’esecuzione di attività di rimozione di rifiuti abbandonati lungo la strada statale 700 “della Reggia di Caserta”, tra le ore 10.00 e le ore 15.00 di domani, sabato 18 novembre 2017, sarà chiusa al traffico la galleria “Parco della Reggia”, situata tra il km 8,000 ed il km 10,600.
Il traffico verrà deviato lungo la viabilità comunale di Caserta, attraverso le uscite obbligatorie agli svincoli di Caserta Ospedale e di Caserta Ovest-Casagiove.
Inoltre, per l’esecuzione di lavori di nuova pavimentazione nell’ambito dell’Accordo Quadro #bastabuche, lungo il Raccordo Autostradale 9 “di Benevento”, a partire da lunedì 20 novembre e fino al 1° dicembre 2017, ad esclusione dei giorni festivi e prefestivi, nella fascia oraria compresa tre le 7.00 e le 17.00, si rendono necessarie limitazioni alla circolazione veicolare.
Nel dettaglio, saranno in vigore restringimenti delle carreggiate nord o sud lungo tratti saltuari, della lunghezza massima di 700 metri, tra il km 0,000 ed il km 7,730.
All’approssimarsi delle aree di cantiere vigerà il limite di 40 km/h ed il divieto di sorpasso per tutte le categorie di veicoli.
Infine, per l’esecuzione delle medesime attività sulla strada statale 91/Racc “della Valle del Sele”, sempre a partire da lunedì 20 e fino al 30 novembre 2017, ad esclusione dei giorni festivi e prefestivi, nella fascia oraria compresa tre le 6.00 e le 17.00, sarà in vigore il senso unico alternato (regolato da impianto semaforico) in tratti saltuari compresi tra il km 0,000 ed il km 1,400, in provincia di Avellino.
All’approssimarsi delle aree di cantiere vigerà il limite di 30 km/h ed il divieto di sorpasso per tutte le categorie di veicoli.
Anas raccomanda prudenza nella guida
(Biggi Chiara)

Inserito da Golfonetwork venerdì 17 novembre 2017 alle 20:42 -

Scacchi, Italia bronzo al campionato europeo

La nazionale italiana ottima terza nella kermesse continentale
La massima rappresentativa italiana, composta da otto giocatori e dal capitano, nel 9° Campionato Europeo ha conseguito un ottimo terzo posto. Tale piazzamento è valso all'Italia  la medaglia di bronzo. Questo risultato, ottenuto dopo la conquista del titolo di vice-Campione d'Europa nelle ultime due precedenti edizioni, conferma il momento d'oro della selezione azzurra.
L'evento, iniziato il 10 giugno 2014, si è svolto sul server della Federazione mondiale, l'International Chess Correspondence Federation (ICCF). Vi hanno partecipato le 13 nazioni qualificate dalle fasi preliminari. Pertanto, ogni nazionale ha disputato 12 match.
Il  responso  è  stato il seguente:  medaglia  d'oro  e Campione d'Europa  alla  Russia; medaglia  d'argento  e  Vice-Campione d'Europa  alla Slovenia; medaglia di bronzo all'Italia;  esclusi dal podio team, tradizionalmente più quotati dell'Italia, come Svezia, Germania, Slovacchia ed Olanda; tra queste squadre, le più deludenti sono state senz'altro la Slovacchia, Campione d'Europa nella 7ª edizione, e l'Olanda, di gran lunga ultima classificata.
La  nostra nazionale vedeva schierati nell'ordine: Fabio Finocchiaro, Eros Riccio, Claudio Cesetti, Claudio Casabona, Mauro Petrolo, Giuseppe Pezzica, Alberto Dosi e Giuseppe Poli; inoltre,  da  non  dimenticare  il  lavoro  oscuro  ma prezioso del capitano  Gianni  Mastrojeni, neo eletto presidente dell'ASIGC.
Cannoniere  della squadra, con 8 punti, è stato Riccio; doveroso segnalare  a  7  punti  le prestazioni di Cesetti, Casabona, Pezzica e Dosi.

Segue  una  breve presentazione dei nove  scacchisti  che   hanno
condiviso questa esaltante avventura.
Fabio Finocchiaro, 77 anni da San Giovanni La Punta (Catania), imprenditore. Nel torneo di 13ª categoria, con 10 patte e due sconfitte (p. 5), ha ottenuto un deludente 13° posto. Ha l'hobby dei libri di storia, economia e politica.
Eros Riccio, 38 anni da Lucca, scacchista a tempo pieno. Ottimo primo nel proprio torneo di 12ª categoria (p. 8, con annessa 8ª norma da GM). Ha vinto quattro partite e pareggiato le altre otto. Punto intero conquistato con  l'israeliano Yefremov, con il tedesco GM Busemann, con l'olandese Raijmaekers e con l'islandese Halldorsson.
Claudio  Cesetti,  58  anni  da  Lanuvio  (Roma),  imprenditore. Totalizzando  7 punti, ha conquistato, ex-aequo, un eccellente terzo posto nel torneo di 12ª categoria. Ha  vinto  due volte  e pareggiato  nelle restanti partite.  Le partite  vinte  sono state  con l'ucraino GM Papenin e  con l'olandese  Hebels. Nel suo palmares presenti quindici titoli di Campione d'Italia di soluzione scacchistica.
Claudio Casabona, 65 anni da Milano, impiegato presso una multinazionale delle telecomunicazioni. Ha ottenuto, ex-aequo, un buon terzo posto (p. 7). Ha vinto due volte e pareggiato le restanti 10. Vittorie ottenute con l'austriaco Rada e l'olandese Tienhoven. Nel tempo libero pratica lo sci e coltiva la passione per la musica con predilezione per la classica.
Mauro   Petrolo,  46  anni  da  Zurigo  (Svizzera),   informatico
specializzato in applicazioni finanziarie. Oltre a due sconfitte,
solo dieci patte  (p. 5)  per un deficitario 13° posto, ben al di
sotto  dei  suoi  standard.  Nel  tempo libero fa volontariato in
associazione animaliste.
Giuseppe   Pezzica,  56  anni  da  Carrara  (MS),  insegnate   di
matematica  e  libero  professionista.  Con  p.  7  ha conquistato, ex-aequo,  il  primo  posto  nel  proprio  torneo. In dodici partite  giocate  ha  vinto  due  volte  e  pareggiato nelle restanti. Le partite vinte sono state con l'ucraino Boychuk e con l'inglese Rawlings. Tra gli hobby in evidenza l'allenamento di una squadra di ragazzi per gare ufficiali di matematica.
Alberto Dosi, 65 anni da Piacenza, broker assicurativo. Anche per
lui due vittorie e dieci patte  per  un  primo posto ex-aequo (p.
7). Il punto pieno è arrivato dalle sfide con lo svedese Forslof e l'islandese Karason.  Nel tempo libero  pratica l'atletica leggera.
Giuseppe Poli, 61 anni da Genova, medico. Una vittoria ed undici patte (p. 6,5) per un settimo posto non esaltante. La vittoria è arrivata dalla partita disputata con l'olandese Daatselaar.
Gianni  Mastrojeni, 68 anni da Roma, selezionatore e capitano. Le squadre nazionali, maschili e  femminili,  da lui selezionate e dirette  hanno  rappresentato l'Italia  nel  mondo  al massimo livello,  tra  l'altro  vincendo cinque   tornei internazionali ufficiali. Ha l'hobby della bicicletta.
(Claudio Cesetti)


Inserito da Golfonetwork giovedì 16 novembre 2017 alle 19:20 -

Comunicato stampa Anas

Campania, Anas: si è tenuta oggi – presso la Prefettura di Napoli – una riunione finalizzata al confronto con gli Enti territorialmente competenti circa gli allagamenti che il 6 novembre scorso hanno determinato la chiusura al traffico di un tratto della SS145 “Sorrentina”
Anas comunica che, si è svolta quest’oggi, presso la Prefettura di Napoli, una riunione finalizzata al confronto con gli Enti territorialmente competenti circa gli allagamenti che il 6 novembre scorso hanno determinato la chiusura al traffico di un tratto della SS145 “Sorrentina” (dallo svincolo di Castellammare Centro, al km 3,600 a quello di Castellammare Villa Cimmino, al km 9,500).
All’incontro – oltre a rappresentanti di Anas – hanno partecipato, tra gli altri, delegati della Regione Campania (compresi tecnici del Genio Civile e della Protezione Civile), i Sindaci dei Comuni di Sorrento e di Castellamare di Stabia e rappresentanti dei Comuni di Vico Equense, Massa Lubrense e Sant'Agnello.
Il confronto ha permesso di tracciare una prima linea d’intervento che prevede un’azione congiunta di tutti gli Enti, finalizzata alla risoluzione della problematica geologica e, conseguentemente, al ripristino delle condizioni di sicurezza, necessarie alla riapertura al traffico del tratto di statale.
Il personale tecnico di Anas intervenuto alla riunione ha inoltre illustrato le attività svolte nell’immediato (sgombero del materiale all’interno dei tunnel e nelle aree attigue al tratto di statale, impiego di pompe idrovore, sopralluoghi tecnici quotidiani volti a tracciare stime dei danni ed a fare una pianificazione d’intervento per ciò che attiene anche al ripristino degli impianti…), rappresentando anche le difficoltà che, via via, sono emerse durante l'esecuzione; in particolare è stata evidenziata la vastità dell'estensione delle aree di allagamento (che vanno ben al di là delle zone immediatamente afferenti alla statale), dovuta sia al cedimento di porzioni delle pareti dell’alveo del torrente ‘Rivo Calcarella’, sia a smottamenti di aree a valle della SS145 - situate nel territorio comunale di Castellammare di Stabia - che hanno ostruito il regolare deflusso delle acque del torrente.
L’imperversare di condizioni meteo avverse e la difficile accessibilità dei luoghi hanno rappresentato due complicazioni ulteriori alla regolare esecuzione delle attività.
Allo scopo di ricanalizzare parte delle acque accumulatesi lungo il 'Rivo Calcarella' (immediatamente a monte del corpo stradale), Anas ha quindi effettuato anche alcuni sopralluoghi aerei, finalizzati alla definizione della esatta ubicazione dei recapiti idraulici per il ripristino del normale deflusso delle acque.
Nella giornata di oggi sono quindi proseguite le attività che hanno portato alla ispezione di un preesistente tombino (sottopassante la statale), sia da monte che da valle; tali attività d'ispezione non sono però state completate in quanto anche l'opera idraulica è risultata franata.
Attualmente quindi - in attesa di una definizione delle azioni coordinate tra i vari Enti - Anas sta individuando soluzioni tecniche provvisorie (che si stanno vagliando anche in relazione alla complessa orografia del territorio), atte a garantire le ordinarie condizioni di deflusso delle acque del torrente.
La riapertura al traffico del tratto di statale 145 interrotto sarà infatti possibile non appena ultimati i lavori descritti e non appena completati gli interventi per il ripristino provvisorio degli impianti delle gallerie, anch'essi illustrati da Anas nel corso della riunione di quest'oggi.
Napoli, 15 novembre 2017
(Biggi Chiara)

Inserito da Golfonetwork mercoledì 15 novembre 2017 alle 19:55 -

17 novembre 2017 Avellino-Rocchetta. Un treno dal passato al futuro
'Avellino-Rocchetta. Un treno dal passato al futuro': giornata di studi al Museo di Pietrarsa
Venerdì prossimo, 17 novembre 2017, presso il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa, si terrà la giornata di studi e la mostra dal titolo “Avellino-Rocchetta. Un treno dal passato al futuro”, patrocinata dalla Fondazione FS Italiane, dal Consiglio Regionale della Regione Campania, dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dal Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Napoli Federico II.
Realizzata tra il 1888 e il 1895 come una delle prime ferrovie secondarie, che collegava il territorio interno di tre regioni (Campania, Basilicata e Puglia), la Avellino-Rocchetta è stata oggetto nel 2016 di un procedimento di dichiarazione di interesse culturale da parte del MiBACT, supportato dal Dipartimento di Architettura della Federico II. Essa è pertanto la prima ferrovia italiana ad aver ottenuto questo importante riconoscimento, proponendosi anche come esperienza pilota per altre ferrovie storiche italiane.
Obiettivo della giornata, che vede tra i relatori politici, dirigenti del MiBACT, docenti universitari della Federico II e di altri atenei campani, nonché enti locali e associazioni impegnate a vario titolo sul territorio irpino, è quello di presentare i risultati recentemente raggiunti per la tutela della ferrovia e sviluppare un dibattito ampio e multidisciplinare sulle prospettive per la sua valorizzazione. A tal fine è prevista una tavola rotonda, che vedrà la presenza di diversi attori del territorio, per discutere della possibilità di un protocollo d’intesa tra la Regione, i Comuni, il MiBACT e l’Università, finalizzata alla valorizzazione sostenibile della linea e del suo territorio.
Alla giornata di studi si accompagna anche una mostra, che raccoglie i disegni originali dei ponti, dei viadotti e delle gallerie realizzati lungo la linea, insieme ad alcune tesi di laurea e di specializzazione discusse in diversi Atenei italiani, inerenti la conservazione e il riuso della ferrovia.
Tra i numerosi relatori saranno presenti: Luigi Cantamessa (Direttore Fondazione FS italiane), Antimo Cesaro (Sottosegretario del MiBACT), Francesco Palumbo (Direttore Generale Turismo MiBACT), Fulvio Bonavitacola (Vice Presidente della Regione Campania), Rosa D’Amelio (Presidente del Consiglio Regionale della Campania), Claudia Cattani (RFI), Maria Utili (Segretario Regionale MiBACT Campania), Luigi Famiglietti (deputato), Mario Losasso (Direttore del Dipartimento di Architettura della “Federico II”), Massimo Osanna (Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei), Carlo De Vito (Presidente FS Sistemi Urbani), Vinicio Capossela (musicista e scrittore), nonché molti altri tra dirigenti, docenti, funzionari, rappresentanti di
associazioni e Sindaci dei Comuni interessati.
(Pietro Fattori - Fondazione Ferrovie dello Stato Italiane)



Fare clic sull'immagine per ingrandire


Inserito da Golfonetwork martedì 14 novembre 2017 alle 20:58 -

Comunicato Anas

Campania, Anas: chiusi provvisoriamente al traffico tratti delle strade statali 7 “Appia” e 7 dir C, in provincia di Avellino
Anas comunica che sono chiusi provvisoriamente al traffico il tratto della strada statale 7 “Appia” dal Km 357,000 al Km 361,000 e il tratto iniziale della strada statale 7 dir C dal Km 12,000 al Km 13,500 nei pressi del comune di Conza della Campania, in provincia di Avellino.
Il provvedimento si è reso necessario per consentire alle autorità giudiziarie le attività di accertamento, in particolare nel tratto di strada statale 7 “Appia” dal Km 358,800 al Km 360,300, dove sono in corso lavori di rifacimento della pavimentazione. La chiusura del tratto iniziale della strada statale 7 dir C dipende dal fatto che quest’ultimo si innesta nel suddetto tratto oggetto d’indagine.
Il traffico viene deviato in loco lungo percorsi alternativi.
(Garzia Daniele)

Inserito da Golfonetwork martedì 14 novembre 2017 alle 20:46 -

Scoperti nel Mar Tirreno 7 nuovi vulcani sommersi
Scoperti nel Mar Tirreno 7 nuovi vulcani sommersi che, insieme a quelli già noti, formano una catena lunga 90 km. Ad arrivare a queste conclusioni, uno studio a firma Ingv, Istituto per l’ambiente marino costiero del Cnr e Geological and Nuclear Sciences (Nuova Zelanda), pubblicato su Nature Communications.
Il Mar Tirreno meridionale svela una nuova catena di 15 vulcani sommersi, di cui 7 fino a ora sconosciuti, una struttura lineare, in direzione Est-Ovest, che misura circa 90 km in lunghezza e 20 km in larghezza. A dirlo uno studio, frutto del risultato di numerose campagne oceanografiche condotte negli ultimi anni da un team internazionale di vulcanologi, geofisici, e geologi marini dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV e IAMC), dell’Istituto per l’Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IAMC-CNR) e del Geological and Nuclear Sciences (GNS), Nuova Zelanda.
“Il Tirreno Meridionale è caratterizzato dalla presenza di numerosi vulcani, alcuni emersi, come le Eolie, altri sommersi, come il Marsili”, spiega Guido Ventura, vulcanologo INGV e IAMC e coordinatore del gruppo di ricerca. “Questa catena di vulcani recentemente individuata e descritta nello studio, si estende da circa 90 km a sud della costa di Salerno fino a 30 km a est della costa di Sangineto, in Calabria. La catena, definita del Palinuro, si estende in profondità da circa 3200 m a 80 m sotto il livello del mare. Questi vulcani rappresentano, nel loro insieme, un spaccatura della crosta terrestre dalla quale risalgono magmi provenienti dalle Isole Eolie, dal Tirreno centro-meridionale, e dall’area compresa tra la Puglia e la Calabria”. I dati raccolti mostrano che la dimensione dell’intera catena vulcanica risulta maggiore non solo di quella delle Isole Eolie ma anche degli altri vulcani sottomarini del Tirreno meridionale, compreso il Marsili.
“Inoltre molte di queste strutture vulcaniche presentano caratteristiche compatibili con l’apertura di micro-bacini oceanici dove si crea nuova crosta terrestre a seguito della risalita dei magmi lungo fratture”, aggiunge Salvatore Passaro, geologo marino dell’Iamc-Cnr. “Questi vulcani sono stati attivi sicuramente tra 300.000 e 800.000 anni fa, ma non è da escludere che siano stati attivi in tempi più recenti. Oggi sono caratterizzati da attività idrotermale sottomarina a si collocano in una zona di anomalia termica (circa 500°C a 1 km sotto il fondo del mare)”. Durante le campagne oceanografiche sono stati raccolti dati batimetrici, magnetici, e gravimetrici; sono stati inoltre effettuati carotaggi e osservazioni dirette del fondale marino con il ROV (Remote Operating Vehicle), un veicolo sottomarino pilotato da una postazione remota.
“La ricerca è iniziata con l’analisi di ogni singolo edificio vulcanico, per poi concludersi con la modellazione dei dati geofisici e morfo-strutturali sull’intera struttura crostale”, aggiunge il ricercatore INGV Luca Cocchi, che ha curato insieme a Fabio Caratori Tontini del GNS la modellistica geofisica. “Lo studio è ancora all’inizio. La conoscenza della storia eruttiva di questi vulcani e’ ancora parziale e necessita di ulteriori dati e ricerche oceanografiche”, conclude Ventura. “Nonostante ciò, i risultati fin qui raggiunti rivoluzionano in parte la geodinamica del Tirreno e delle zone di subduzione nel mondo, e aprono nuove strade non solo alla ricostruzione dell’evoluzione della crosta terrestre, ma anche alla interpretazione e significato geodinamico delle catene vulcaniche sottomarine attive e degli archi insulari”.
(Ingv)










Inserito da Golfonetwork lunedì 13 novembre 2017 alle 20:15 -

Napoli. No Ius Soli: oltre 800 firme nel solo week end

R. Ruscito, responsabile Immigrazione NCS Campania ”No Ius Soli: oltre 800 firme  nel solo week end. Napoli prima in Campania contro il DdL”.
Napoli 13 novembre 2017 – No allo Ius Soli: sono oltre 800 le firme raccolte nel solo week end  scorso, in continuità con la campagna nazionale promossa dalla Lega e da Noi con Salvini, grazie ai numerosi gazebo informativi tenutisi contestualmente a Napoli, Avellino, Salerno ed  in altri comuni della Campania, allestiti per illustrare le motivazioni che spingono a dire no al predetto Disegno di Legge. Solo a Napoli, nel pomeriggio di sabato, sono state raccolte 400 firme.
“L'obiettivo  - spiega l’avv. Rosanna Ruscito, coordinatrice del dipartimento regionale “Immigrazione e Sicurezza” di NCS - è tentare di illustrare i motivi per cui lo ius soli non solo non è adatto ed applicabile ad un paese come l'Italia, per cui risulterebbe di gravissimo nocumento, ma anche spiegare perchè si tratta di una legge di cui non v'è affatto necessità.  Abbiamo informato i cittadini che in realtà l'Italia è il primo paese in Europa per numero di cittadinanze concesse, che nel 2015 e nel 2016 il numero di persone che ha ottenuto cittadinanza italiana ha superato quello dei migranti sbarcati sulle coste italiane, che la legge attuale è equilibrata e sufficiente e prevede il riconoscimento di una cittadinanza consapevole come risultato di un percorso di integrazione e, soprattutto, che non v'è alcuna discriminazione o disparità di diritti tra minori italiani e minori stranieri nati in Italia. L’iniziativa proseguirà nelle prossime settimane e contiamo di triplicare le firme raccolte”.
Così Rosanna Ruscito, responsabile Immigrazione regionale di NCS, presenta l’importante risultato e annuncia altre iniziative contro le legge per la concessione della cittadinanza ai figli degli stranieri in tutta la regione.
(Giancarlo Borriello - Noi con Salvini Campania)


Inserito da Golfonetwork lunedì 13 novembre 2017 alle 19:13 -

Gender: riabilitata la campagna pubblicitaria di CitizenGo/Generazione Famiglia

"Vince il buon senso e la libertà di espressione, siamo estremamente soddisfatti di questo risultato e stiamo già pianificando la prossima grande campagna pubblicitaria contro il Gender nelle scuole". Così commentano l'esito del contenzioso con l'Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria (IAP) i responsabili di CitizenGO e Generazione Famiglia.
A inizio ottobre lo IAP - che giudica la correttezza deontologica delle comunicazioni pubblicitarie diffuse sui canali delle società che si vincolano al suo controllo, cioè quasi tutte le reti televisive e radiofoniche e le agenzie di affissione stradale - aveva formalmente contestato la correttezza dei manifesti contro il Gender apparsi a Roma per pubblicizzare l'inizio del tour del Bus della Libertà, ingiungendo a CitizenGO e Generazione Famiglia di interromperne la diffusione.
Le accuse si concentravano sullo slogan "Basta violenza di genere", giudicato "distorsivo" e "fuorviante" rispetto al tema della violenza sulle donne, in relazione alla successiva affermazione "i bambini sono maschi e le bambine sono femmine", ritenuta "discriminatoria" verso chi non si riconosce nel dualismo sessuale maschile-femminile.  Al centro delle due espressioni, l'immagine di due grandi mani nereche calano dall'alto un reggiseno, porgendolo a un bambino, e un paio di baffi, rivolto a una bambina. Il manifesto intendeva denunciare le attività che nelle scuole costringono i bambini e le bambine ad assumere atteggiamenti propri del sesso opposto con il malinteso fine di "decostruire gli stereotipi di genere" maschili e femminili, ideologicamente ritenuti costrittivi. Dopo il ricorso delle due associazioni, venerdì scorso si è svolta a Milano, presso la sede dello IAP, l'udienza decisiva davanti al Giurì dell'Istituto. L'organo di ultima istanza, esaminate le accuse del Comitato di Controllo e le difese delle associazioni, ha infine giudicato per la correttezza della comunicazione, escludendo dunque profili di discriminazione e ambiguità. Le motivazioni della decisione sono attese per i prossimi giorni. L'ingiunzione dello IAP aveva sollevato fortissime polemiche, sfociate in una petizione di protesta sulla piattaforma web di CitizenGO sottoscritta da oltre 30.000 firmatari e nell'attenzione della stampa e dei media nazionali.

(GENERAZIONE FAMIGLIA  / CITIZENGO)

Inserito da Golfonetwork lunedì 13 novembre 2017 alle 13:17 -

Allerta meteo -Gialla- della Protezione Civile Campania

Napoli- La Protezione civile della Regione Campania ha diffuso un’Allerta Meteo con conseguente livello di criticità idrogeologica e idraulica di colore Giallo a partire dalla mezzanotte e per le successive 24 ore. L’avviso riguarda l’intero territorio regionale per piogge e temporali che potranno avere anche moderata intensità. In particolare la perturbazione interesserà prima i quadranti meridionali della regione e la fascia costiera per poi spostarsi nelle aree interne e sui quadranti settentrionali della Campania. Si raccomanda alle autorità competenti di porre in essere tutte le misure atte a prevenire e contrastare i fenomeni attesi, come previsto anche dai piani comunali di protezione civile.

(Protezione Civile Campania)

Inserito da Golfonetwork domenica 12 novembre 2017 alle 21:19 -

Coisp: Serie di brillanti operazioni della Squadra Mobile di Caserta

Una serie di brillanti operazioni della Squadra Mobile di Caserta, finalizzate alla prevenzione e repressione per i furti in abitazione si sono concluse con l'arresto di pluripregiudicati stranieri.
Caserta - Si sono registrate negli ultimi giorni, una serie di brillanti risultati, conseguiti solo grazie all'impegno ed alla passione dei Poliziotti in servizio presso la sezione Antirapina della Squadra mobile della Questura di Caserta, i quali hanno ulteriormente incrementato i controlli finalizzati al contrasto del fenomeno dei furti in abitazione… fenomeno che continua a destare particolare allarme sociale nei confronti dei cittadini di Caserta e Provincia. Le operazioni condotte con esito positivo arrestando tre persone di etnia rom si sono registrate nel comune di Orta di Atella tant'è che i cittadini resisi conto di quanto stava accadendo in strada ad opera della Polizia di Stato hanno anche applaudito gli agenti operanti perché esausti di essere sempre vittime di questi delinquenti… Nei giorni scorsi sempre ad opera di personale della Squadra Mobile dopo un rocambolesco inseguimento sulla statale 7 bis direzione Villa Literno e terminato poi in località Castel Volturno è stato tratto in arresto un altro cittadino straniero a bordo di una potente autovettura risultata rubata ed in possesso di numero kit particolari usati per portare a termine furti di vario genere. Sulle incisive operazioni è intervenuto Claudio Trematerra, Segretario Generale  Provinciale  del  Sindacato  Indipendente  di  Polizia Coisp dichiarando: "ai colleghi della Squadra Mobile della Questura di Caserta vanno i miei complimenti per la risposta immediata al crescente e fastidioso fenomeno dei reati predatori ai danni dei cittadini di terra di lavoro, conducendo una incessante attività, frutto di sacrificio e rischio personale, contro questi malviventi pronti a tutto pur di procurarsi illecitamente danaro ". Anche Pasquale Carfora, Consigliere Nazionale del Sindacato di Polizia Coisp interviene sulla vicenda esprimendo vivo compiacimento ai colleghi della Squadra Mobile per le operazioni di Polizia condotte brillantemente con il loro ottimo acume investigativo che ha permesso di dare maggiore percezione di sicurezza urbana ai cittadini casertani. Non resta che essere fiduciosi aggiunge Lorenzo Ovalletto, Consigliere Nazionale Coisp affinché anche l'Autorità Giudiziaria possa infliggere a questi malfattori pene esemplari… diciamo difatti, rivolgendoci anche alle autorità politiche ed al Ministro della Giustizia:  basta con gli sconti di pena, basta con i riti abbreviati, basta con le pene alternative!" La Segreteria Provinciale del Coisp continua incessantemente a richiedere maggiore attenzione al Capo della Polizia Pref. Franco Gabrielli per incrementare, in vista dell'uscita del corso Agenti ferma dallo scorso anno e prevista per Marzo 2018, l'organico della Polizia di Stato su tutto il territorio casertano anche per le specialità della Polizia Stradale Ferroviaria e Postale che insistono su un territorio ormai preda di nuovi criminali anche di nazionalità straniera.
(Pasquale Carfora)

Inserito da Golfonetwork domenica 12 novembre 2017 alle 19:52 -

© Riproduzione riservata

Archivio news
Archivio news 2009-2014

© 2017 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica