NAVIGHI A 56k ?
Golfonetwork - IL PORTALE DEL GOLFO DI POLICASTRO (Salerno)

Golfonetwork su twitter Imposta Golfonetwork come pagina iniziale Aggiungi Golfonetwork ai preferiti Segnala Golfonetwork ad un amico o ad un'amica 
 Sei in: Home » news_regionali

 







Polizia di Stato: il «virus suicida» ha colpito ancora

Polizia di Stato:  il "virus suicida" ha colpito ancora. De Lieto Li.Si.Po.: da tempo chiediamo un pool di psicologi a stretto contatto con gli operatori di Polizia.
A Torino un poliziotto della Digos si è suicidato sparandosi  con la pistola d'ordinanza in Questura all'interno del suo ufficio. Il Segretario Generale del Libero Sindacato di Polizia LI.SI.PO. Antonio de Lieto ha dichiarato:  "unitamente a tutti gli iscritti del LI.SI.PO. mi associo all'immenso dolore della famiglia del poliziotto che si è tolto la vita. Purtroppo l'appello del LI.SI.PO. è rimasto inascoltato, in più circostanze abbiamo chiesto (anche al Ministro dell'Interno) di  attuare la giusta strategia finalizzata a debellare il "virus suicida" nella Polizia di Stato. Il LI.SI.PO. - ha continuato de Lieto - ha sempre chiesto ai vertici del Ministero dell'Interno un pool di psicologi a stretto contatto con gli operatori di Polizia, in modo tale da intervenire per tempo su qualsiasi situazione sospetta, che l'appartenente alla Polizia di Stato stia vivendo, assicurando allo stesso modo il necessario supporto al fine di evitare il verificarsi di qualsiasi atto drammatico. A tal riguardo il LI.SI.PO. ha tenuto anche una manifestazione al fine di sensibilizzare ancor più chi è preposto alla risoluzione della delicata problematica. Ad oggi non è cambiato nulla - ha concluso de Lieto -  il "virus suicida" la fa sempre più da padrone e il numero delle perdite nelle file della Polizia di Stato sale sempre più in alto. Signor Ministro dell'Interno, Troppe mamme, troppe mogli e troppi figli piangono i poliziotti che si sono suicidati. Signor Ministro Lamorgese "batta un colpo", faccia l'ultimo sforzo e trovi la giusta strategia per porre fine a questa "strage silenziosa". La sicurezza dei cittadini, signor Ministro, passa necessariamente attraverso la tranquillità degli operatori di Polizia".
(Antonio Curci)


Inserito da Golfonetwork giovedì 2 dicembre 2021 alle 21:01 -

Piero De Luca (Pd): oltre 644 mln da fondi Pnrr per le scuole in Campania

"Un'occasione storica. Adesso mettere a terra queste enormi risorse".
Più di 644 milioni di euro per il sistema scolastico della Campania sono in arrivo grazie ai fondi del Piano nazionale di ripresa e resilienza".
Ne dà notizia Piero De Luca, deputato e vice capogruppo del Pd.
Il Ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi ha firmato il decreto per il riparto dei fondi su base regionale.
Nel dettaglio, sono stati assegnati alla Campania per le mense 83.915.797,21; per gli asili nido 327.828.489,88; per la messa in sicurezza 53.525.700,84; 35.128.144,44 sono destinati alle palestre; 67.124.314,69 alle scuole dell'infanzia mentre per la costruzione di nuove scuole vengono dati 76.884.999,95.
"Grazie al Piano nazionale di ripresa e resilienza attuato dal governo Draghi - sottolinea De Luca - arrivano eccezionali risorse per il sistema scolastico, un settore decisivo per il futuro del nostro Paese, da sempre una priorità del mio impegno parlamentare.
Una straordinaria opportunità per il sistema dell'istruzione della nostra Regione, per rendere più sicure e accoglienti le scuole, modernizzando la formazione dei nostri figli. Adesso bisogna lavorare per passare dagli stanziamenti alla spesa effettiva, mettendo a terra queste enormi risorse:  facciamolo rapidamente e facciamolo bene”.
(Ufficio stampa Piero De Luca)


Piero De Luca

Inserito da Golfonetwork martedì 30 novembre 2021 alle 20:21 -

SS87 Sannitica, consegnati lavori di manutenzione programmata

CAMPANIA, ANAS: CONSEGNATI I LAVORI DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA PER IL RISANAMENTO DEL CORPO STRADALE LUNGO LA CARREGGIATA NORD DELLA STRADA STATALE 87 “SANNITICA”, IN PROVINCIA DI BENEVENTO
- investimento complessivo di 2,6 milioni di euro                                                                                                    
- concreto avvio dell’intervento su strada previsto entro la prima metà del mese di dicembre

Napoli, 30 novembre 2021
Anas (Gruppo FS Italiane) ha consegnato quest’oggi i lavori relativi alla manutenzione programmata per il risanamento del corpo stradale ed il consolidamento della scarpata lungo la carreggiata nord della strada statale 87 “Sannitica”, nel tratto compreso tra il km 87,600 e il km 88,000, in provincia di Benevento.
L’investimento complessivo è di 2,6 milioni di euro.
Nel dettaglio, le attività – che saranno eseguite dall’Associazione Temporanea d’Imprese Rillo Costruzioni S.R.L. - E.MI. Strade e Consolidamenti S.R.L. con sede in Ponte (BN), mediante Accordo Quadro –  interesseranno i territori comunali di Campolattaro e Pontelandolfo, in prossimità del territorio di Fragneto Monforte.
I lavori, che prenderanno il via a partire dalla prima metà del mese di dicembre, consisteranno, principalmente, nella realizzazione di un’opera di sostegno (paratia di pali) del rilevato stradale e nella ricostruzione dello stesso, nella costruzione di opere di regimentazione idraulica (trincea drenante, cunetta laterale e fosso di guardia), nella realizzazione di uno specifico cordolo, nella successiva installazione di una barriera di sicurezza stradale e nel rifacimento della pavimentazione stradale e relativa segnaletica.
Per l’esecuzione degli interventi su strada, si renderà necessaria l’istituzione del restringimento della carreggiata; esclusivamente in relazione all’esecuzione di alcune specifiche fasi dei lavori saranno attivate interdizioni dell’intera carreggiata (per limitati periodi di tempo), con deviazione della circolazione lungo viabilità alternativa. 
La durata dell’intervento è fissata in 210 giorni.
Anas, società del Gruppo FS Italiane, ricorda che quando guidi, Guida e Basta! No distrazioni, no alcol, no droga per la tua sicurezza e quella degli altri.
(Chiara Biggi)


Inserito da Golfonetwork martedì 30 novembre 2021 alle 20:18 -

Riconsegnate al Comune di Napoli le aree della Galleria Vittoria di Napoli

CAMPANIA, ANAS: RICONSEGNATE AL COMUNE DI NAPOLI LE AREE DELLA GALLERIA VITTORIA DI NAPOLI
- Anas ha ultimato l’intervento di manutenzione straordinaria, nel pieno rispetto dei tempi previsti

Napoli, 29 novembre 2021
Riconsegnate questo pomeriggio da Anas (Gruppo FS Italiane) al Comune di Napoli le aree della galleria Vittoria di Napoli, a seguito dell’ultimazione dell’intervento di manutenzione straordinaria eseguito in piena aderenza con il cronoprogramma, per un investimento complessivo di 2 milioni di euro, secondo quanto stabilito da specifica Convenzione.
Tale atto amministrativo è avvenuto nel rispetto della vigente normativa in materia di appalti (art. 230 del DPR 207/2010).
Come comunicato la scorsa settimana, a seguito dei lavori di nuova pavimentazione da parte del Comune all’interno della galleria, Anas ha provveduto altresì al riposizionamento dei new jersey ed ha completato quest’oggi le relative operazioni di pulizia, completando anche la smobilitazione dei baraccamenti di cantiere, necessari durante l’esecuzione dei lavori.
A seguito della necessaria attestazione da parte della Procura della Repubblica in merito al ripristino della sicurezza ed alla rimozione dei pericoli, il Comune di Napoli provvederà, con apposita ordinanza, alla riapertura al traffico della galleria.
(Anas)



Inserito da Golfonetwork lunedì 29 novembre 2021 alle 19:42 -

Poliziotti feriti in occasione dell´incontro di calcio Napoli-Lazio

Poliziotti feriti in occasione dell'incontro di calcio Napoli - Lazio. Il sindacato di polizia Coisp chiede pene esemplari costituendosi parte civile.
Nella serata di ieri, in occasione dell'incontro di calcio tra le società sportive Napoli e Lazio, si è registrata l'ennesima aggressione alle forze dell'ordine; il risultato è stato di alcuni poliziotti finiti in ospedale.
Sulla vicenda è intervenuto Giuseppe Raimondi, Segretario Generale Provinciale partenopeo del sindacato di Polizia COISP, il quale ha dichiarato: "Il mio primo pensiero va ai colleghi, in particolar modo ai poliziotti del IV Reparto Mobile di Napoli rimasti feriti in seguito al vile attacco da essi subito ad opera di delinquenti, i quali sicuramente nulla hanno a che fare con il tifo, quello sano. A loro va tutta la mia solidarietà. Non è plausibile che donne ed uomini in divisa escano di casa per andare a fare il proprio dovere e debbano ritrovarsi in ospedale solo perché un gruppo di criminali, perché questo è l'unico termine che possa etichettare tali personaggi, decide di fare giustizia sommaria contro tifosi della squadra avversaria. Ed è solo grazie alla grande prontezza e professionalità dei poliziotti che si è evitato lo scontro. Questo non è più tollerabile! Auspichiamo - prosegue il leader partenopeo del Coisp -  che la Magistratura faccia rapidamente luce sulla dinamica dell'aggressione e che i responsabili paghino per quanto commesso; pene certe ed esemplari perché solo così si può  restituire  autorevolezza a tutto l'impianto. Al contempo,  siamo sicuri che il Questore di Napoli, da sempre attento a queste problematiche, provvederà a fare in modo che questi soggetti non possano più partecipare ad eventi sportivi. Ci riserviamo - conclude Raimondi - di costituirci parte civile nel procedimento penale che ne scaturirà e l'eventuale risarcimento sarà devoluto alle vittime del dovere della Polizia di Stato".
Napoli  29.11.2021
(Coisp - L'addetto stampa Luigi Fusco)


Il Segretario generale provinciale Raimondi Giuseppe
e il Segretario provinciale reparto mobile Romano Vincenzo


Inserito da Golfonetwork lunedì 29 novembre 2021 alle 12:41 -

Atripalda (Av): restringimento carreggiata sud raccordo autostradale2

CAMPANIA, ANAS: TRA LUNEDI’ 29 E MARTEDI’ 30 NOVEMBRE, SUL RACCORDO AUTOSTRADALE 2 “DI AVELLINO” ATTIVO IL RESTRINGIMENTO DELLA CARREGGIATA SUD, AD ATRIPALDA (AV)
- per l’installazione di un sistema di monitoraggio, nell’ambito del progetto ‘Ulisse II’, in capo alla Regione Campania

Napoli, 26 novembre 2021
Nell’ambito del più ampio progetto ‘Ulisse II’ in capo alla Regione Campania – relativo ad un sistema di monitoraggio ed informazione – per permettere l’installazione di alcune apparecchiature di videosorveglianza lungo il Raccordo Autostradale 2 “di Avellino”, nei giorni lunedì 29 e martedì 30 novembre 2021 sarà attivo il restringimento della carreggiata sud, in direzione di Salerno.
Nel dettaglio, il provvedimento sarà in vigore nella fascia oraria compresa tra le 9.00 e le 17.00, tra il km 30,350 ed il km 30,100, nel territorio comunale di Atripalda (AV).
All’approssimarsi delle aree di cantiere vigerà il limite di velocità di 40 km/h ed il divieto di sorpasso per tutte le categorie di veicoli.
Anas, società del Gruppo FS Italiane, ricorda che quando guidi, Guida e Basta! No distrazioni, no alcol, no droga per la tua sicurezza e quella degli altri.
(Anas)

Inserito da Golfonetwork venerdì 26 novembre 2021 alle 19:47 -

Terremoto dell´Irpinia: per non dimenticare

Il 23 novembre 2021, ricorre il 41° anniversario del terremoto che ha colpito tragicamente l'Irpinia. Un momento di terrore e di apprensione che è diventato un triste, indelebile ricordo per tutti gli irpini che quei momenti li hanno vissuti e che hanno ancora negli occhi e nei cuori quei drammi, quei disastri, quei morti, quei feriti, quelle urla che il "mostro" terremoto aveva provocato. Migliaia di morti e feriti, la distruzione di interi paesi, di parte importante della rete viaria e di altre strutture. - Così ha commentato il Segretario Generale del Libero Sindacato di Polizia (LI.SI.PO.) Antonio de Lieto - Il nostro tessuto sociale venne stravolto, ma la nostra gente non si è arresa, pur con sfumature diverse e dopo un momento di comprensibile abbattimento, si è rimboccata le maniche ed ha lavorato duramente per far risorgere la nostra terra. Non solo si è ricostruito, ma vi è stato il miracolo della ripresa dell'economia e la creazione di importanti poli industriali che hanno dato lavoro e creato sviluppo. Il terremoto dell'80 ci ha insegnato che, comunque, il territorio va rispettato e che è necessario impedire costruzioni selvagge e scriteriate. Certo - ha continuato de Lieto - tante case sbriciolate erano state costruite tantissimi anni prima, senza alcun criterio antisismico, e ciò è servito da insegnamento nella ricostruzione. Quarant'anni or sono, il popolo irpino ha mostrato coraggio e coesione ed i giovani di oggi devono prendere come modello ed esempio i loro nonni ed i loro padri, ed essere orgogliosi e fieri di essere irpini ed appartenenti a questa terra, a questa gente. Va sottolineato l'opera importante e impareggiabile dei tanti volontari, tantissimi giovani, che insieme ai volontari irpini, ai Vigili del Fuoco, ai militari ed ai reparti delle Forze di Polizia, hanno soccorso la popolazione, rischiando anche la vita, per salvare vite umane, scavando, a mani nude, fra le rovine. I tanti gesti di altruismo, di pura solidarietà - ha concluso de Lieto - hanno contraddistinto uomini e donne, giovani ed anziani, che mettendo da parte i loro impegni personali, i loro interessi, si sono dedicati agli altri, ai meno fortunati, a chi aveva perso tutto, anche i propri cari, per ribadire che l'amore per il prossimo, è un bene prezioso che va tramandato alle nuove generazioni.
(Antonio Curci)


Inserito da Golfonetwork giovedì 25 novembre 2021 alle 19:38 -

Dal 30/11 senso unico alternato sulla SS87 Sannitica

CAMPANIA, ANAS: DA MARTEDI’ 30 NOVEMBRE, RIATTIVATO IL SENSO UNICO ALTERNATO SULLA SS87 “SANNITICA” A TORRECUSO (BN)
- in seguito a quanto richiesto dal Comune, nel corso di una riunione sotto l’egida della Prefettura di Benevento

Napoli, 24 novembre 2021
Lungo la strada statale 87 “Sannitica”, a partire da martedì 30 novembre, verrà riattivato il senso unico alternato tra il km 82,300 ed il km 82,400, nel territorio comunale di Torrecuso (BN) in corrispondenza di una preesistente frana del versante attiguo alla tratta stradale.
Il provvedimento sarà in vigore a seguito di quanto richiesto dal Comune di Torrecuso – anche in relazione all’imminente stagione invernale – nel corso di una riunione di coordinamento convocata sotto l’egida della Prefettura di Benevento con gli Enti Competenti.
Si rappresenta, infine, che relativamente al fronte in frana prosegue la definizione delle attività di messa in sicurezza definitive, non di competenza di Anas.
Anas, società del Gruppo FS Italiane, ricorda che quando guidi, Guida e Basta! No distrazioni, no alcol, no droga per la tua sicurezza e quella degli altri.
(Chiara Biggi)

Inserito da Golfonetwork mercoledì 24 novembre 2021 alle 20:12 -

Anas: italiani alla guida, uno su tre non usa la cintura

*Lo studio sugli stili di guida degli italiani è stato effettuato anche in Campania sulla statale 700 "della Reggia di Caserta"

È il dato che emerge da una ricerca promossa da Anas sulle cattive abitudini degli automobilisti, lungo le strade e autostrade non a pedaggio
La rilevazione condotta dallo Studio Righetti e Monte Ingegneri e Architetti Associati con il contributo dell’Unità di Ricerca in Psicologia del Traffico dell’Università Cattolica del Sacro Cuore, evidenzia che il 28,38% dei conducenti non allaccia le cinture, dato che si alza se riferito al passeggero anteriore (31,87%) e passeggero posteriore (80,12%)
un guidatore su due non utilizza i dispositivi per bambini
due giovani su dieci guidano utilizzando impropriamente il cellulare 

Roma, 22 novembre 2021 
Il mancato uso delle cinture di sicurezza risulta ancora il comportamento più rischioso per chi viaggia in auto sulle strade statali: un automobilista su tre al volante non le allaccia. La fotografia degli italiani alla guida, scattata dalla Ricerca Osservatorio Stili di Guida Utenti, commissionata da Anas e condotta dallo Studio Righetti e Monte Ingegneri e Architetti Associati con il contributo dell’Unità di Ricerca in Psicologia del Traffico dell’Università Cattolica del Sacro Cuore è stata presentata oggi nell’ambito del convegno “Sicurezza stradale: obiettivo zero vittime” organizzato in occasione della giornata mondiale in ricordo delle vittime della strada. 
Dallo studio, che ha analizzato i comportamenti di guida lungo tre differenti tipologie di strade e autostrade in gestione ad Anas (autostrada A90 Grande Raccordo Anulare di Roma, come strada extra – urbana principale la S.S.336 della Malpensa, e come strada extra-urbana secondaria la S.S. 700 della Reggia di Caserta) di un campione di 6000 utenti, emerge come il 28,38% dei conducenti non allaccia le cinture, dato che si alza se riferito al passeggero anteriore (31,87%) e passeggero posteriore (80,12%). Indisciplina anche per quanto riguarda i dispositivi di ritenuta per bambini, ben il 49,47% non li utilizza, e per gli indicatori luminosi, il 55,63% non li accende per la manovra di sorpasso o rientro (76,46%), o per l’entrata (59,20%) o uscita (43,71%) da rampa. Infine un automobilista su dieci (12,41%) utilizza in modo improprio il cellulare alla guida. 
Si tratta di dati purtroppo molto lontani dalla media registrata negli altri Paesi europei dove il 90% degli automobilisti indossa le cinture anteriori e ben il 71% dei passeggeri quelle posteriori.  
Lo studio ha analizzato alcuni tra i fattori psicologici che influiscono sulla mancata percezione del rischio alla base dei comportamenti all’origine degli incidenti stradali, distinguendo tra le violazioni deliberate al codice della strada e gli errori del conducente (es. sviste, manovre o valutazioni errate). Il comportamento in violazione non dipende infatti da un problema nel raccogliere o elaborare le informazioni necessarie per attuare il comportamento corretto, ma da una scelta influenzata da fattori psicologici, psicosociali e motivazionali. In particolare l’analisi ha richiamato questi fattori associandoli ai dati delle violazioni riscontrate. 
“Questo studio - ha commentato Franco Righetti, della Righetti e Monte Ingegneri e Architetti Associati, che ha curato la ricerca - fortemente voluto da Anas, segna un passo di fondamentale importanza per il miglioramento della sicurezza sulle strade. L’entità del campione raccolto, oltre 6.000 rilevazioni dirette sulle tre arterie indagate, ci ha restituito una chiara fotografia dei comportamenti e delle abitudini delle persone durante la guida, consentendo di identificare e analizzare in maniera scientifica i fattori di rischio. La disponibilità di questo patrimonio informativo consentirà ad Anas di poter progettare e avviare concrete campagne di sensibilizzazione sulla sicurezza stradale che possano risultare ‘centrate’ sui principali fattori di rischio individuati come il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza e utilizzo improprio del telefono cellulare durante la guida e ‘orientate’ nei contenuti specifici per tipologia di utenti, ad esempio i giovani”.
“L’interesse di Anas per questa tematica – ha spiegato Federica Biassoni, docente dell’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Unità di ricerca di psicologia del traffico, che ha svolto l’analisi dei fattori alla base dei comportamenti alla guida - ci ha consentito di realizzare una ricerca che, integrando metodologie quantitative e qualitative, ha preso in esame sia il livello dei comportamenti dei guidatori sia quello sottostante, dei processi psicologici alla luce dei quali è possibile spiegare tali comportamenti. I risultati della ricerca rispecchiano in modo interessante la letteratura sulla percezione del rischio stradale e sui comportamenti di guida rischiosi. Tanto le violazioni registrate, che i comportamenti che portano alla distrazione, causa frequente di incidenti, appaiono riconducibili ai medesimi bias cognitivi: il ruolo dell’abitudine e dei vantaggi percepiti ci permettono così di spiegare i comportamenti rischiosi emersi dalle osservazioni su strada. La conoscenza del collegamento tra tali fattori alla base del funzionamento mentale dei guidatori ed i comportamenti di rischio potrà essere di aiuto ad Anas nella progettazione di interventi sia infrastrutturali sia di formazione”.
L’analisi della percezione del rischio è stata accompagnata anche da 17 interviste semi-strutturate a utenti delle tre differenti tipologie di strade e autostrade oggetto dell’indagine. L’obiettivo è stato quello di indagare le motivazioni percepite come sottostanti i propri comportamenti rischiosi e quelli posti in essere dagli altri utenti della strada. I primi riconducibili per lo più a stress, abitudine, mancanza di senso civico mentre i secondi ascrivibili a mancato uso degli indicatori di direzione, manovre di sorpasso a destra, sorpassi pericolosi, velocità rischiosa. 
Invece in relazione alla percezione di sicurezza della strada, le dichiarazioni degli intervistati variano a seconda della tipologia di strada. L’82% del campione ritiene le strade sicure o non evidenzia una rilevante percezione del pericolo rispetto a tutte le tipologie di strade analizzate. 
Anas in vista dello sfidante obiettivo di ridurre del 50% le vittime di incidenti stradali entro il 2030 è fortemente impegnata nell’implementare la sicurezza dei propri utenti agendo su più fronti contemporaneamente con un piano strategico. Primo tra tutti, l’aumento delle risorse da destinare alla manutenzione programmata: 15,9 miliardi (+44% rispetto alle precedenti annualità), per l’adeguamento e messa in sicurezza della rete anche attraverso pavimentazioni sempre più performanti. Poi, il potenziamento dei settori Ricerca e sviluppo con il progetto Smart road, il progetto green lights per una illuminazione più efficiente e la realizzazione di barriere di sicurezza di ultima generazione. Infine la promozione e diffusione di una cultura della sicurezza stradale, muovendo dal dato che oltre il 93% degli incidenti deriva dal comportamento del guidatore.
Proprio sulla base di quanto emerso dall’indagine, Anas, nell’ambito della campagna di sicurezza stradale “Quando guidi, guida e basta”, orienterà il messaggio all’utilizzo delle cinture di sicurezza.   
(Raffaele La Pietra)


Inserito da Golfonetwork lunedì 22 novembre 2021 alle 13:09 -

Irpinia 80, domani il ricordo con la Protezione Civile a Mercogliano
“Le esperienze della Sanità Pubblica nei Terremoti a 41 anni di distanza dal Terremoto dell’Irpinia”.
L'evento è promosso dal CeRVEnE in collaborazione con il Dipartimento di Medicina Veterinaria e Produzioni Animali dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, L’Osservatorio Permanente sul Doposisma della Fondazione MIda e la Protezione Civile della Regione Campania.
Ogni anno il Cervene ricorda il 23 novembre 1980 con un evento da tenersi in una delle aree colpite dal sisma dell’Irpinia. Negli anni scorsi, gli eventi si sono tenuti in Irpinia presso l’Abbazia del Goleto, a Pertosa (SA) presso la Fondazione MIdA e nel 2020 in modalità remoto con ospiti da tutta Italia. Si tratta di una data rilevante per la nascita della Disastrologia veterinaria ad opera del Prof. Adriano Mantovani, che con la sua equipe di giovani medici veterinari intervenne dopo il sisma, ponendo le basi per una nuova prospettiva organizzativa di medicina veterinaria in emergenze non epidemiche.
Quest'anno il ricordo, la commemorazione ma soprattutto il dibattito sulle calamità e le emergenze si terrà a Mercogliano in provincia di Avellino, con una serie di appuntamenti iniziati ieri 21 novembre, con una giornata di formazione per i volontari di protezione civile, e proseguirà la mattina del 23 Novembre con una sessione del Corso di formazione in "Sicurezza alimentare nelle emergenze" organizzato dall'Università Federico II di Napoli. Nel pomeriggio si terrà una tavola rotonda dalle 15.30 alle 17.30 con la presenza delle Istituzioni locali.
Tra gli interventi di quest'anno, prestigiosa e preziosa sarà la Lectio Magistralis su Adriano Mantovani da parte di Romano Marabelli, Consigliere Sostituto del Direttore Generale dell'OIE (Organizzazione mondiale della sanità animale).
Tra gli altri interventi quelli di Claudia Campobasso, Protezione civile Regione Campania, Luigi Possenti dell'IZSAM, Stefano Greco dell'Università degli Studi dell'Aquila e numerose testimonianze di professionisti intervenuti nei diversi terremoti che hanno interessato l'Italia negli ultimi anni.
(CeRVEnE)



Fare clic sull'immagine per ingrandire
Inserito da Golfonetwork lunedì 22 novembre 2021 alle 13:06 -

© Riproduzione riservata

Archivio news
Archivio news 2009-2014

© 2021 Golfonetwork
Per non darvi mai meno del massimo.
Chi Siamo Privacy policy Segnala Golfonetwork.it ad un tuo amico/amica